Ecologia

Legambiente e i detriti del terremoto a L'Aquila

Possono essere riciclati!

Potrebbero servire quasi 70 anni, procedendo a questo ritmo, per liberare L'Aquila da tutte le macerie che ne occupano le strade, originate dal terremoto dell'aprile 2009. E' la denuncia di Legambiente, contenuta nel dossier "Macerie, anno zero" in cui si denuncia "lo stallo nella ricostruzione", ma soprattutto il fatto che il ritardo nella rimozione ha trasformato il capoluogo abruzzese in una sorta di gigantesco "deposito di stoccaggio". Gli ambientalisti non si limitano però ad analizzare la situazione, mettendo a fuoco "ruoli e responsabilità,sottlineando errori e omissioni", ma indicano anche delle possibili soluzioni per liberare le strade dai detriti e avviare la vera fase di ricostruzione.

Tra le richieste, quella di "fondamentale" dell'avvio al riciclo dei materiali contenuti nelle macerie, a cominciare dagli inerti che ne sono la parte più consistente, procedura peraltro già prevista per legge, come hanno spiegato i responsabili dell'Anpar (Associazione nazionale produttori aggregati riciclati), secondo i quali servirebbero "una decina di impianti dislocati nel territorio della provincia dell'Aquila, che potrebbero lavorare in circa due anni tutti gli inerti derivanti dalle macerie del terremoto, producendo oltre 4 milioni di tonnellate di aggregato riciclato". La realizzazione degli impianti darebbe anche un forte impulso a un'imprenditoria tecnologicamente avanzata e innovativa, riducendo "la necessità di discariche o altri siti di smaltimento e renderebbe disponibile materiale riciclato di qualità per gli interventi di ricostruzione". Ma soprattutto "eviterebbe il ricorso massiccio a nuove cavazioni di materiale vergine in una regione dove l'attività estrattiva è tra le più alte d'Italia, ma non esiste un Piano cave che la regolamenti".

Photo credits: http://www.flickr.com/photos/adele_sarno/3470395161/

6 ottobre 2010 Stefano Caneva
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cent'anni fa, la scoperta del secolo: la tomba di Tutankhamon – l'unica ritrovata intatta nella Valle dei Re - svelò i suoi tesori riempendo di meraviglia gli occhi di Howard Carter prima, del mondo intero poi. Alle sepolture più spettacolari di ogni epoca è dedicato il primo piano di Focus Storia. E ancora: la guerra di Rachel Carson, la scienziata-scrittrice pioniera dell'ambientalismo; i ragazzi italiani assoldati nella Legione Straniera e mandati a morire in Indocina; Luigi Ferri, uno dei pochi bambini sopravvissuti ad Auschwitz, dopo lunghi anni di silenzio, si racconta.

ABBONATI A 29,90€

L'amore ha una scadenza? La scienza indaga: l’innamoramento può proseguire per tre anni. Ma la fase successiva (se ci si arriva) può continuare anche tutta la vita. E l'AI può dirci quanto. E ancora, Covid: siamo nel passaggio dalla fase di pandemia a quella endemica; le storie geologiche delle nostre spiagge; i nuovi progetti per proteggere le aree marine; tutti i numeri dei ghiacciai del mondo che stanno fondendo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us