Ecologia

Legalità, innovazione, territorio: i valori dei nuovi manager

sondaggio, il 92% sente propria responsabilità nei confronti dello sviluppo della società italiana

Roma, 23 nov. - (AdnKronos) - Più attenti ai temi della legalità, dell'innovazione, del volontariato e del rapporto con il territorio: è l'identikit dei nuovi manager emerso dal sondaggio realizzato da Prioritalia in collaborazione con l’Osservatorio Socialis, Manageritalia e AstraRicerche che ha coinvolto 400 manager. Il risultato? Solo l'8% dei manager intervistati considera il proprio ruolo professionale slegato dalla responsabilità nei confronti dello sviluppo della società italiana.

Ma è il 92% a pensarla diversamente in quanto per la quasi totalità dei rispondenti essere manager significa anche mettere a disposizione competenze molto qualificate (59%), farsi portavoce delle necessità altrui presso interlocutori privilegiati (38%), mettere a disposizione il network professionale e relazionale esterno all’azienda (31%), offrire consulenze gratuite (25%).

L'impegno nella e per la società si concretizza soprattutto nella cultura della legalità (47%), qualsiasi azione per migliorare la qualità della comunità (44%) e trasferimento di competenze (38%). Seguono sempre ad un buon livello: volontariato (31%) e adesione e/o sostegno all’impegno ad associazioni/onlus (29%), riduzione di sprechi (26%) e tutela del territorio (20%), comportamenti di cittadinanza attiva (per esempio pulire la città…) (19%), maggiore trasparenza (18%).

Sempre quasi tutti (92%) dicono che è importante che il numero e le azioni di forme organizzate della società (terzo settore e altre) continuino a crescere in Italia. E questo soprattutto perché contribuisce alla diffusione di valori ed esempi positivi (58%) e stimola il senso civico (55%).

A seguire, ma sotto la maggioranza, troviamo perché: il welfare pubblico è sempre più debole (45%), induce l’impresa a comportamenti socialmente responsabili (38%), risponde in maniera più capillare alle necessità del territorio e delle comunità locali (38%), offre opportunità reali a chi non ne ha (20%).

Pur non conoscendo la Direttiva Ue 95/2014 sulla comunicazione delle informazioni non finanziarie che dovrà essere recepita entro il 1 gennaio 2017 (l'81,6% dichiara di non conoscerla), il 65% dei manager intervistati afferma che il settore più importante tra quelli indicati dalla Direttiva è la lotta alla corruzione attiva e passiva, seguito dalle informazioni sociali (12,7%) e dalle informazioni sul rispetto dei diritti umani (7,5%).

I manager hanno anche una loro "ricetta" per far crescere l’importanza di forme organizzate della società: creare momenti di incontro e di scambio tra profit e non profit (54%) e rafforzare le competenze professionali di chi opera in questo ambito con la formazione (52%), ma anche migliorare le proposte progettuali (40%), creare e mettere a disposizione indicatori di affidabilità (32%), migliorare le capacità di rendicontazione (22%), acquisire competenze professionali attraverso il recruiting (13%).

"L’Italia può essere migliore di quello che possiamo immaginare e sperare - commenta Marcella Mallen, presidente di Prioritalia -: scoperchiare sentimenti così nobili, svelare un’impronta così attenta alla legalità e quindi al rispetto delle regole fa davvero pensare che la società civile sia molto più pronta di quanto si immagini ad una vera rivoluzione culturale".

Prioritalia è un’Associazione fondata nel 2012 da Manageritalia, Federmanager, Fenda, Fidia, Sindirettivo, Cida, le più grandi organizzazioni di rappresentanza dei manager italiani. L'obiettivo dichiarato è promuovere l’impegno civile della comunità manageriale al servizio del Paese.

23 novembre 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Scipione e Annibale, Mario e Silla, Demostene e Filippo II di Macedonia... I giganti della Storia che hanno passato la loro vita a combattersi, sui campi di battaglia e non solo. E ancora: l'omicidio di Ruggero Pascoli, il padre del famoso poeta, rimasto impunito; il giro del mondo di Magellano e di chi tornò per raccontarlo; la rivoluzione scientifica e sociale della pillola anticoncezionale; nelle prigioni italiane dell'Ottocento; come, e perché, l'Inghilterra iniziò a colonizzare l'Irlanda.

 

ABBONATI A 29,90€

Tigri, orsi, bisonti, leopardi delle nevi e non solo: il ricco ed esclusivo dossier di Focus, realizzato in collaborazione con il Wwf, racconta casi emblematici di animali da salvare. E ancora: come la plastica sta entrando anche nel nostro organismo; che cos’è l’entanglement quantistico; come sfruttare i giacimenti di rifiuti elettronici; i progetti più innovativi per poter catturare l’anidride carbonica presente nell’atmosfera.

ABBONATI A 31,90€
Follow us