Ecologia

Le spiagge? Cercatele più a nord

Con il clima che cambia, anche il turismo potrebbe risentirne. In particolare il Mediterraneo.

Le spiagge? Cercatele più a nord
Con il clima che cambia, anche il turismo potrebbe risentirne. In particolare il Mediterraneo.

In un futuro non lontano, questa spiaggia potrebbe essere deserta. Perché ricoperta dal mare.
In un futuro non lontano, questa spiaggia potrebbe essere deserta. Perché ricoperta dal mare.

Ogni anno circa 100 milioni di persone si spostano sulle coste del Mediterraneo; la tranquillità e il mare sono gli scopi di questa migrazione di massa. Ma, dicono alcuni economisti, nel giro di pochi anni questo potrebbe essere un ricordo del passato. Nel caso in cui il riscaldamento globale proceda come si teme, le coste del Mediterraneo saranno in futuro troppo calde per accogliere i turisti (anche se per ora le coste italiane sono ancora le più consciute e frequentate, vedi il multimedia Alla ricerca della spiaggia perfetta)
Se a questo aggiungiamo anche che molte coste (specie quelle delle piccole isole, o Venezia) saranno sommerse dal mare, si capisce perché gli esperti di economia del turismo siano preoccupati.
Il Galles come Rimini. «Ma non l'industria del turismo», dice David Viner, dell'università di East Anglia a Norwich, in Inghilterra; «da questo punto di vista è un'industria molto miope» aggiunge. Anche se gli scienziati non saranno mai in grado di predire con precisione il futuro del clima, quello che sanno è che le condizioni generali cambieranno sicuramente. Il nord Europa, per esempio, sarà molto più colpita da tempeste, le Alpi avranno sempre meno neve, e il Mediterraneo diverrà sicuramente più caldo e secco.
Però non sanno se i turisti potranno essere attirati da neve artificiale, complessi turistici protetti o nuove mete finora sconosciute. Per il futuro dell'industria del turismo raccomandano perciò di studiare il comportamento umano, insieme alla nuova meteorologia.

(Notizia aggiornata all'11 giugno 2003)

5 giugno 2003
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us