Ecologia

Le radici delle ecomafie al Nord tra rifiuti, cemento e grandi opere

Lombardia, tra aziende e immobili oltre 1200 beni confiscati alla mafia

Torino, 17 ott. - (AdnKronos) - Le ecomafie non conoscono crisi né confini geografici che le releghino al Sud Italia, anzi: trovano terreno fertile nell'economia del Nord del Paese, come dimostrano alcune delle grandi inchieste che hanno acceso i riflettori sulla presenza degli ecocriminali al Nord, da Minotauro a San Michele passando per Mose. Nel complesso, nelle regioni del Nord solo nell’ultimo anno si sono registrati 5.608 episodi di criminalità ambientale, che hanno portato a 1.432 sequestri, 6.152 denunce e 30 arresti.

Se la Liguria è la prima regione del Nord per illeciti ambientali, con 1.526 infrazioni accertate, e la Lombardia con 419 denunce e 262 infrazioni primeggia nel ciclo illecito del cemento, Piemonte, Veneto ed Emilia Romagna non vengono risparmiate dalle ecomafie che prediligono rifiuti e cemento. E’ questo lo spaccato sulla criminalità ambientale al Nord presentato oggi a Torino da Legambiente a "Fa’ la cosa giusta!" in occasione del convegno “Ecomafie al Nord. Conoscere i sintomi per creare anticorpi".

Novità? No. Le ecomafie in questi territori "sono radicate da almeno 30 anni", spiega Laura Biffi dell’Osservatorio Ambiente e legalità di Legambiente.

Una buona parte degli illeciti si concentrano nel ciclo del cemento, con 1.097 infrazioni, e in quello dei rifiuti con 1.376 illeciti. Alla crescita dell’economia ecomafiosa contribuisce in modo eclatante anche il settore dell’agroalimentare, con un fatturato che ha superato i 4,3 miliardi di euro. Un’attenzione particolare al Nord va anche posta al ruolo delle grandi opere quali Tav e Terzo Valico e alle possibilità d’infiltrazione della ‘ndrangheta.

Gli appalti pubblici nel settore ambientale sono tra quelli più esposti alla corruzione e alla criminalità: sono ben 233 le inchieste ecocriminali in cui la corruzione ha svolto un ruolo cruciale, concluse con l’arresto di 2.529 persone e la denuncia di 2.016, grazie al contributo di 64 procure di diciotto regioni. La Lombardia è la prima regione dove il fenomeno corruttivo si è maggiormente diffuso con 31 indagini, seguita subito dopo dalla Sicilia con 28 inchieste, la Campania con 27, il Lazio con 26 e la Calabria con 22.

17 ottobre 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cent'anni fa, la scoperta del secolo: la tomba di Tutankhamon – l'unica ritrovata intatta nella Valle dei Re - svelò i suoi tesori riempendo di meraviglia gli occhi di Howard Carter prima, del mondo intero poi. Alle sepolture più spettacolari di ogni epoca è dedicato il primo piano di Focus Storia. E ancora: la guerra di Rachel Carson, la scienziata-scrittrice pioniera dell'ambientalismo; i ragazzi italiani assoldati nella Legione Straniera e mandati a morire in Indocina; Luigi Ferri, uno dei pochi bambini sopravvissuti ad Auschwitz, dopo lunghi anni di silenzio, si racconta.

ABBONATI A 29,90€

L'amore ha una scadenza? La scienza indaga: l’innamoramento può proseguire per tre anni. Ma la fase successiva (se ci si arriva) può continuare anche tutta la vita. E l'AI può dirci quanto. E ancora, Covid: siamo nel passaggio dalla fase di pandemia a quella endemica; le storie geologiche delle nostre spiagge; i nuovi progetti per proteggere le aree marine; tutti i numeri dei ghiacciai del mondo che stanno fondendo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us