Ecologia

Le persone estroverse sono meno attente all'ambiente

Una ricerca inglese ha individuato una relazione fra carattere e comportamenti "verdi": le persone estroverse sono troppo distratte da altre cose, mentre quelle aperte sono le più coscienziose.

Le persone estroverse sono meno portate a fare scelte "verdi", mentre quelle aperte sono le più coscienziose. Possibile che l'attenzione alla sostenibilità e all'ambiente sia legata anche al carattere, e non sia solo una questione di buona educazione? È quanto emerge da una ricerca della Business School della University of Portsmouth, in Inghilterra.

Cinque tipi di personalità. Il team di ricercatori ha intervistato un campione di 204 uomini e donne sopra i 50 anni, un gruppo demografico che costituisce un terzo della popolazione inglese e che è destinato ad aumentare costantemente nel prossimo futuro: determinante quindi per impostare delle politiche ambientali efficaci.

Gli studiosi hanno chiesto loro quali comportamenti quotidiani attenti all'ambiente adottano, come per esempio spegnere le luci quando non servono, non lasciare i rubinetti aperti più del necessario, portarsi i propri sacchetti quando vanno a fare la spesa. Hanno quindi attribuito ad ognuno dei partecipanti uno di questi cinque tratti caratteriali: aperto, scrupoloso, estroverso, disponibile, nevrotico. Collegando i risultati sono emerse le relazioni fra personalità e scelte ecosostenibili.

Esiti inattesi. «Non è sorprendente che le persone che abbiamo definito aperte – ossia curiose, fantasiose e anticonformiste – si siano rivelate più propense ad adottare comportamenti attenti», commenta una delle ricercatrici, Sianne Gordon-Wilson, «ma ci ha stupito invece che gli estroversi lo siano in misura minore. Ci aspettavamo che, fra le cinque personalità-tipo, le persone aperte e quelle estroverse fossero le più verdi».

Gli estroversi non si sono dimostrati indifferenti alla questione, ma sono poco portati ad approfondire i loro sforzi o ad apportare cambiamenti alle loro abitudini perché la loro attenzione è distratta da altre priorità.

I limiti della ricerca. Non ci vuole una formazione universitaria per notare che lo studio ha il respiro corto: un campione molto piccolo, l'arbitrarietà nella definizione dei caratteri, la selezione ridotta di azioni ecologiche prese in considerazione. Ma i ricercatori ne sono consapevoli, e infatti presentano esplicitamente il loro studio come preliminare: utile insomma a individuare e far emergere un fenomeno, che verrà ulteriormente approfondito. Ed è per questo che, nonostante i limiti dello studio, ve lo abbiamo raccontato.

17 giugno 2015 filippo ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us