Ecologia

Le pale eoliche non uccidono gli uccelli

Non è vero che fanno strage di volatili.

di

Uno studio condotto in Scozia, e pubblicato sul Journal of Applied Ecology, dimostra che non è affatto vero che le pale eoliche facciano strage di uccelli, come hanno sempre detto i nemici delle rinnovabili. Gli unici problemi, e solo per alcune specie di volatili, sono durante la fase di costruzione del parco.

"Allo studio hanno partecipato le più importanti associazioni inglesi"


Chiedi alla Royal -

Royal Society for the Protection of Birds

Scottish Natural Heritage

British Trust for Ornithology

molto usato in Inghilterra e Scozia

Attenti al cantiere - Sempre gli scienziati, però, spiegano che bisogna stare molto attenti a dove si mettono le pale eoliche perché a dar fastidio agli uccelli non sono tanto le pale che girano, ma il cantiere necessario a costruire i mulini a vento. E c'è da crederlo, tra rumore, polvere e movimento di mezzi pesanti. Molti uccelli, dimostra lo studio, sono infastiditi da tutta questa confusione e spesso abbandonano l'area. Alcuni di loro tornano a fine cantiere, altri no. Bisogna quindi scegliere bene l'area del parco eolico per evitare il problema.

Fine di un mito - Quello delle pale eoliche che farebbero strage di uccelli è un mito abbastanza vecchio che, alla luce dei dati, può tranquillamente essere messo da parte senza che nessuno ne senta la mancanza. Insieme a quello che racconta di pale sempre ferme, di pale che non producono energia e tutti gli altri goffi tentativi di screditare l'energia dal vento. Perché questo accanimento anti-eolico? Semplice: l'eolico funziona e produce molta energia pulita. E dimostra che si può avere elettricità senza usare troppe fonti fossili, vecchie e inquinanti ma ancora molto redditizie. E senza rompere troppo le scatole agli uccelli. (sp)

Cinque buoni propositi all'insegna dell'ambiente

5 dicembre 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us