Ecologia

Le notti in bianco del global warming

Dormito male? L'insonnia da riscaldamento globale è destinata a diventare sempre più comune: nei prossimi 40 anni, i sonni funestati dal caldo potrebbero raddoppiare.

Le conseguenze del clima che cambia ci riguardano più da vicino di quanto si tenda a pensare. Presto la questione riguarderà anche la qualità del nostro sonno: nel 2050 le notti insonni dovute alle alte temperature saranno due volte più comuni rispetto a oggi. Lo sostiene uno studio dell'università di Harvard, il più ampio mai condotto sul rapporto tra sonno e riscaldamento globale.

Effetti visibili. I ricercatori hanno studiato una serie di questionari sul riposo notturno sottoposti a 765.000 cittadini statunitensi tra il 2002 e il 2011, ai quali si chiedeva quante volte avessero dormito male negli ultimi 30 giorni. La media delle risposte ha messo in evidenza che temperature notturne più alte di 1 °C rispetto alla media mensile sono collegate a tre notti di sonno inadeguato in più al mese ogni 100 individui.

Philippe Clement/Nature Picture Library/contrasto
Molti animali hanno già ridotto i tempi di ibernazione a causa dei cambiamenti climatici. Vedi anche: 9 cose che forse non sai sul sonno animale

Sonno funesto. Poiché le temperature globali sono già aumentate di 1 °C rispetto all'era pre-industriale, e quelle notturne stanno salendo più velocemente di quelle diurne, i nostri sonni ne stanno già risentendo.

Entro il 2050, a causa della calura ci saranno 6 notti insonni in più al mese ogni 100 persone, con le conseguenze peggiori sulle famiglie anziane o meno abbienti, quelle che in genere non possono permettersi sistemi di raffrescamento e aria condizionata.

Un terzo del campione analizzato riporta già ora disturbi del sonno, collegati a un ampio spettro di problemi per la salute, dal diabete alla depressione, alle malattie cardiovascolari.

29 maggio 2017 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us