Ecologia

Le centrali nucleari europee non sono sicure

Terremoti e inondazioni causerebbero un disastro.

di
Gli stress test sugli impianti nucleari europei hanno rivelato che la stragrande maggioranza delle centrali non dispone di sistemi di sicurezza adeguati. In alcuni casi mancano persino i requisiti più banali.

"I reattori non sono sicuri, ma la UE non ha intenzione di chiudere impianti"

Nucleare stressato -

disastro di Fukushima in Giappone

Sicurezza dubbia - I risultati sono abbastanza chiari: su 145 reattori ben 54 sono stati costruiti senza prendere in considerazione il rischio sismico in maniera scientificamente sufficiente, cioè analizzando i terremoti piccoli e grandi avvenuti negli ultimi diecimila anni. Ben 62 reattori sono stati messi in piedi senza tener conto del rischio inondazioni, ancora una volta non calcolato su diecimila anni di storia ma su periodi molto più brevi. In caso di incidente grave è fondamentale che l'attrezzatura necessaria per le operazioni più immediate sia custodita in un luogo sicuro e facilmente accessibile, ma non è così per 81 reattori. Per 24 reattori non c'è nemmeno una sala controllo di backup, nel caso quella normalmente utilizzata abbia dei problemi seri e vada fuori uso.

Ma per l'UE va tutto bene - La cosa che lascia esterrefatti di fronte a questi dati, forniti dalle stesse autorità europee, è che l'UE non ritiene che nessuno dei 145 reattori attivi nel vecchio continente debba essere spento. Questo perché i dati raccolti verranno sottoposti alla "peer review" a inizio 2013, cioè saranno analizzati da scienziati al di fuori dalle autorità europee per essere validati. E solo nel 2014, quando la validazione sarà terminata, verranno fornite delle raccomandazioni ufficiali alle società che gestiscono le centrali nucleari e agli Stati membri dell'Unione. Di mettere in sicurezza gli impianti, quindi, non se ne parla prima di diversi anni. (sp)

Mediterraneo: sole, mare e pannelli solari

15 ottobre 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us