Ecologia

Clima: le alluvioni centenarie diventeranno (forse) annuali

Le alluvioni estreme, che avvengono "una volta ogni cento anni", diventeranno sempre più frequenti, fino ad assumere una cadenza decennale se non addirittura annuale.

Non esiste una traduzione ufficiale italiana dell'espressione inglese 100-year flood, ma ultimamente si è cominciato a usare "alluvioni centenarie": preparatevi, perché sentirete sempre più spesso queste parole. Perché quelli che un tempo erano eventi rarissimi, che si verificavano in media una volta ogni 100 anni appunto, diventeranno sempre più frequenti, fino ad assumere una cadenza decennale se non addirittura annuale. Lo dice uno studio della University of Alabama pubblicato su Earth's Future.

Meno spiagge, più alluvioni. Le alluvioni centenarie si chiamano così perché ogni anno hanno una probabilità di avvenire (calcolata sulla base del record storico) pari all'1%, e si verificano quindi in media una volta ogni secolo – il che ovviamente non significa che non possano verificarsi più volte nel giro di pochi anni, oppure non farsi vedere per più di 100 anni. Quello che conta è che si tratta di eventi estremi e, in teoria, molto rari, per i quali è possibile prepararsi in anticipo. Il problema è che, con il riscaldamento globale, il livello dei mari si sta alzando, "mangiando" anche un metro di spiaggia ogni anno e avvicinando quindi case e altre infrastrutture all'acqua, rendendole più vulnerabili. Lo studio ha analizzato il futuro di queste aree in due diversi scenari: nel primo le emissioni di gas serra continuano indisturbate al ritmo attuale, nel secondo invece raggiungono un picco nel 2040 e poi cominciano a calare.

risposta preventiva. La cattiva notizia è che non c'è grossa differenza tra i due scenari: in entrambi i casi, le alluvioni centenarie saranno sempre più frequenti in tutte le aree sottoposte a simulazione – 300 in giro per il mondo. Già nel 2050, le aree costiere di tutto il pianeta potrebbero cominciare a esperire una alluvione "centenaria" ogni 10/15 anni, ed entro la fine del secolo queste stesse aree andranno incontro a un'alluvione (ex) centenaria in media una volta all'anno. Il fatto che questi eventi si intensificherebbero anche se riuscissimo a rallentare o azzerare le emissioni di gas serra ci dice che la situazione è ormai irreparabile: la nostra risposta dev'essere quindi preventiva, e portarci a ripensare la pianificazione urbana delle aree più a rischio tenendo conto che rischiano di venire travolte da un muro d'acqua a cadenza annuale, invece che secolare.

30 settembre 2023 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us