Ecologia

Le alghe della neve rossa minacciano l'Artico

I microrganismi che scuriscono i ghiacci polari sono più responsabili della loro fusione di quanto si pensasse. Dell'effetto andrà tenuto conto nei futuri modelli climatici.

Il ruolo delle alghe pigmentate rosse nella fusione dei ghiacci al Polo Nord è stato sottovalutato. Secondo uno studio pubblicato su Nature Communications, gli organismi unicellulari che tingono i ghiacci di rosso sarebbero responsabili, nelle stagioni più calde, di una riduzione del 13% dell'albedo, ossia la capacità delle superfici ricoperte da nevi e ghiacci di riflettere la luce solare.

Le alghe rosse pigmentate viste al microscopio. © Stefanie Lutz/GFZ

Effetto domino. Le spore di queste alghe assumono la caratteristica colorazione rosa-scarlatta, dovuta ai carotenoidi, per difendersi dai raggi ultravioletti del Sole. Questa tonalità più scura assorbe calore e abbassa il potere riflettente dei ghiacci, accelerandone lo scioglimento soprattutto in estate, quando la superficie è coperta dal sottile strato di acqua liquida in cui l'alga fiorisce.

Con l'aumento della fusione, le alghe rosse trovano un habitat ideale per la riproduzione, che a sua volta aumenta lo scioglimento dei ghiacci, in un circolo vizioso di cui, secondo Stefanie Lutz, del German Research Centre for Geosciences (autrice del lavoro), bisognerà tener conto nei prossimi modelli climatici.

Cosmopolita. Dall'analisi di nevi rosse in 21 ghiacciai artici, dalla Groenlandia all'Islanda, alle Svalbard, Lutz ha concluso che la biodiversità dell'alga non muta particolarmente, ed è quasi sempre la stessa famiglia (delle Chlamydomonadaceae) ad abbassare l'albedo. Ciò che cambia è la composizione delle comunità batteriche che prosperano attorno ad essa.

27 giugno 2016 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us