Ecologia

Lavastoviglie o lavandino?

A mano o in lavapiatti? Qual è il metodo più eco-friendly di pulire le stoviglie dopo una cena?

Quando arriva il momento di lavare i piatti, puntualmente sorgono due dilemmi: a chi toccherà questa volta e se sia meglio farlo a mano o in lavastoviglie. Quale tipo di lavaggio conviene di più in termini di consumo d'acqua ed energia? Abbiamo fatto una piccola indagine.

Se per lungo tempo il lavaggio a mano è stato considerato più ecosostenibile dal punto di vista dei consumi (perché metodo antico e "della nonna") è ora piuttosto assodato che la lavapiatti sia più conveniente in termini di utilizzo d'acqua: per lavare a mano i piatti usati in una cena di 12 persone occorrono circa 103 litri d'acqua, contro i 15 per un pieno carico di una lavastoviglie di nuova - ma non nuovissima - generazione. Sono questi i risultati di un recente studio dell'Università di Bonn, in Germania. Gli elettrodomestici di ultima generazione (classe A+, A++ e A+++) consumano ancora meno: appena 7 litri per ciclo d'acqua e il 30% dell'energia in meno rispetto a quella necessaria alle lavastoviglie di classe A (1,4 kWh per il ciclo più lungo).

Ecolavaggi in 5 mosse

- Evita il prelavaggio
- Lava solo a pieno carico
- Pulisci il filtro e aggiungi regolarmente il sale apposito
- Usa cicli rapidi ed economici
- Niente asciugatura con aria calda. Basta aprire lo sportello

Altri consigli "verdi" Focus Green Life, la rubrica per chi ha a cuore il pianeta.

I numeri sembrerebbero giocare a favore della lavastoviglie, ma ci sono alcuni necessari accorgimenti da adottare ed errori da evitare per non pregiudicare questo primato. Italiani e svedesi, secondo lo studio tedesco, sprecano la maggior parte dei acqua ed energia durante il prelavaggio a mano dei piatti. Ma se si prevede di infilarli in una lavastoviglie ancora in buono stato, questa operazione è superflua. Basta rimuovere i residui di cibo dalle stoviglie con una spazzola morbida, per non intasare il filtro. E naturalmente, utilizzare la lavastoviglie sempre a pieno carico, assicurandosi di aggiungere spesso il sale apposito per evitare la formazione di calcare e di pulire il filtro, in modo da massimizzare l'efficienza.
Quando possibile, e lo è quasi sempre se non avete stoviglie particolarmente unte o incrostate, preferite lavaggi a freddo o programmi economici. L'asciugatura con aria calda non è necessaria: è sufficiente aprire lo sportello quando i piatti sono ancora caldi per farli asciugare con il vapore. Si risparmia in questo modo anche il 40-45% dell'energia per ogni lavaggio.
Chi possiede una lavastoviglie di alta classe energetica può ridurre senza inconvenienti la quantità di detersivo utilizzato. I fosfati disciolti in queste sostanze, una volta scaricati, contribuiscono ad alimentare il fenomeno dell'eutrofizzazione, la crescita eccezionale di alghe che priva di ossigeno gli altri organismi acquatici.

La maggior parte degli studi sull'efficienza energetica delle lavastoviglie non tiene conto dei processi di smaltimento. Come gli altri elettrodomestici, anche questo va trattato secondo la normativa per i Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE) e portato nelle riciclerie urbane. Per conoscere quella più vicino a casa vostra consultate la mappa nazionale dei RAEE.

Se non possedete una lavastoviglie o preferite il lavaggio a mano, insaponate prima tutti i piatti intingendo la spugna in una bacinella o tenendo il lavandino tappato. Non utilizzate l'acqua corrente se non durante il risciacquo, una sola volta. Con questi accorgimenti utilizzerete circa 20 litri d'acqua, contro i 60 di un lavaggio normale per una cena monofamigliare. Il lavaggio a mano è comunque preferibile se la lavastoviglie è mezza vuota, o se avete piatti sporchi solo per due persone.

E voi? Lavate a mano o in lavastoviglie? Quali sono le vostre strategie salva-energia? Lasciate un commento!

Quanta energia risparmieremmo se... smettessimo di stirare?

13 febbraio 2012 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us