Ecologia

Un allarme nella Giornata mondiale dell'ambiente: la tundra siberiana rischia di sparire entro il 2500

La tundra potrebbe sparire nel corso di questo millennio: per la Giornata mondiale dell'ambiente diamo uno sguardo a un ecosistema sempre più a rischio.

Il 5 giugno si celebra, come ormai ogni anno dal 1974, la Giornata mondiale dell'ambiente, una ricorrenza istituita dall'ONU in occasione della Conferenza sull'ambiente umano tenutasi a Stoccolma nel 1972. Come suggerisce il nome, è una giornata creata per sensibilizzare sui problemi ambientali del pianeta e soprattutto per incoraggiare all'azione, e la sua importanza è cresciuta a dismisura con gli anni – man mano che abbiamo capito la portata della crisi climatica che stiamo vivendo, e che segnerà irrimediabilmente i prossimi decenni.

A volte non basta. Ormai conosciamo bene quali sono i nostri obiettivi: ridurre le emissioni di gas serra fino ad arrivare, idealmente, allo "zero netto" entro il 2050 (come vi raccontiamo nel numero speciale di Focus Next 30 pubblicato a giugno). Ci sono casi, però, nei quali anche il comportamento più virtuoso potrebbe non bastare: come rivela uno studio dell'Alfred Wegener Institute di Potsdam, in Germania, pubblicato su eLife, la tundra rischia seriamente di sparire entro la metà del millennio, e anche se riuscissimo a ridurre le emissioni entro i limiti che ci siamo posti ne perderemo una grossa fetta.

La tundra è un bioma unico, presente solo nell'emisfero boreale a latitudini subpolari, e "schiacciata" a nord dagli ambienti polari veri e propri e a sud dalle foreste. La tundra è anche uno degli ambienti che più di tutti sta subendo gli effetti del riscaldamento globale: nelle regioni polari e subpolari la temperatura si sta alzando più rapidamente che nel resto del pianeta, e negli ultimi cinquant'anni la temperatura media della tundra si è alzata di circa due gradi (che rischiano di diventare addirittura 14 entro il 2100).

Simulazione. Il team tedesco ha provato a simulare che cosa succederà nei prossimi secoli se la situazione non dovesse cambiare, concentrandosi in particolare sulla tundra del nordest della Russia, "assediata" a sud dalle foreste di larici. Foreste che, sempre a causa dell'aumento delle temperature, stanno a loro volta spostandosi verso nord in cerca di zone più fresche: man mano che invadono il territorio che oggi è tundra lo "colonizzano", trasformandolo in foresta ed eliminando così la biodiversità specifica del bioma originario.

Il problema emerso dalla simulazione del futuro è parecchio grave: anche nell'ipotesi più ottimista, che prevede che l'umanità riesca a bloccare le emissioni e a contenere l'aumento delle temperature globali sotto gli 1.5 °C, il 70% dell'attuale tundra sparirebbe entro la metà del millennio; nella maggior parte degli scenari simulati ne sparirebbe il 94%, e in quelli peggiori si arriverebbe al 100%.

Anche nel caso più virtuoso, quella che oggi è una striscia ininterrotta di circa 4.000 km di tundra siberiana verrebbe spezzata in due dalle foreste: neanche un successivo calo delle temperature riuscirebbe a restituire il terreno al suo bioma originario.

La situazione della tundra, dunque, è grave, e a un passo dal diventare irrisolvibile: l'unica speranza di salvarla è intraprendere una serie di radicali azioni di protezione dell'intero ecosistema, e salvaguardare flora e fauna dall'estinzione.

5 giugno 2022 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

L’incredibile vita di Guglielmo Marconi, lo scienziato-imprenditore al quale dobbiamo Gps, Wi-Fi, Internet, telefonia mobile… Per i 150 anni della sua nascita, lo ricordiamo seguendolo nelle sue invenzioni ma anche attraverso i ricordi dei suoi eredi. E ancora: come ci si separava quando non c’era il divorzio; il massacro dei Tutsi da parte degli Hutu nel 1994; Marco De Paolis, il magistrato che per 15 anni ha indagato sui crimini dei nazisti; tutte le volte che le monarchie si sono salvate grazie alla reggenza.

ABBONATI A 29,90€

Nutritivo, dinamico, protettivo: il latte materno è un alimento speciale. E non solo quello umano. Molti mammiferi producono latte, con caratteristiche nutrizionali e di digeribilità diverse. Ma qual è il percorso evolutivo che ha portato alla caratteristica più "mammifera" di tutte? Inoltre, ICub è stato testato per interagire con bambini autistici; quali sono i rimedi tecnologi allo studio per disinnescare il pericolo di alluvioni; all’Irbim di Messina si studia come ripulire il mare dagli idrocarburi; la ricerca delle velocità più estreme per raggiungere lo spazio e per colpire in guerra; il cinguettio degli uccelli e ai suoi molteplici significati.

ABBONATI A 31,90€
Follow us