Ecologia

La T-Shirt accumula energia e ricarica il cellulare

Indossare una pila elettrica non farà male alla salute?

di
I ricercatori della South Carolina University hanno trovato un modo per accumulare energia elettrica nelle magliette di cotone. Potranno diventare delle batterie indossabili. Saranno sicure?!?! E come le lavi?!?!

"Indosseremo delle centrali elettriche ambulanti?"

T-Shirt elettrica -

portarsi in giro la batteria di ricarica per il cellulare o il tablet

Lavare prima dell'uso - I ricercatori, in pratica, hanno comprato una normalissima maglietta in un discount di abbigliamento e l'hanno immersa in una soluzione di fluoruro. Poi l'hanno lasciata asciugare e infine l'hanno cotta in un forno ad alta temperatura. Il risultato è stato che le molecole di cellulosa si erano trasformate in carbone attivo, ma tutte le caratteristiche della maglietta - peso, forma, flessibilità - erano rimaste inalterate. Visto che la cosa funzionava, gli scienziati sono andati anche oltre coprendo le fibre della T-Shirt con ossido di manganese e ottenendo prestazioni elettriche migliori.

Non sarà pericoloso? - C'è da chiedersi se tutto questo non sia pericoloso per la salute di chi indossa questi capi d'abbigliamento. E qui il discorso va diviso in due perché bisogna andare a vedere se è dannoso il processo chimico con cui si trasforma una maglietta in una pila elettrica e se poi fa male indossarla. La risposta alla prima domanda è apparentemente "no". Gli scienziati assicurano che - a differenza di precedenti metodi usati per ottenere risultati simili - non vi è l'uso di alcun agente chimico che potrebbe far male alla salute. La risposta alla seconda domanda, invece, è molto più complessa: non è affatto detto che, alla lunga, indossare un accumulatore di energia non faccia male. Ma per smentire questi timori ci saranno a breve nuovi studi scientifici. (sp)

Le 10 tecnologie che cambieranno il mondo

14 gennaio 2013
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us