Ecologia

La ricarica wireless è davvero ecologica?

Togliendo il filo si perde il 14% della carica

di
Un recente articolo su PopSci prefigura un futuro in cui la ricarica wireless dei gadget elettronici ridurrà di molto le batterie che finiscono in discarica. Ma sarà poi vero?

"La ricarica wireless sarà presto molto diffusa, è un bene per l'ambiente?"

Wireless power -

Sono in corso esperimenti anche sulle auto elettriche a batteria, il che dimostra che la ricarica wireless funziona anche con accumulatori di grosse dimensioni e capacità

Stop alle discariche - Secondo PopSci, infatti, per anni si è detto che le batterie ricaricabili avrebbero tolto migliaia di tonnellate di velenosissimi accumulatori di carica dalle discariche. Ma, in realtà, ciò non è successo perché oggi in discarica, invece delle batterie normali, ci finiscono quelle ricaricabili. Poi però aggiunge: «La ricarica wireless presto sarà compatibile con molti dei dispositivi mobili di oggi, offrendo un metodo universale e più eco-friendly di ricarica». Una frase inspiegabile, visto che la batteria ricaricabile resta anche se la ricarica è senza fili.

Problemi di efficienza - Ma non è solo questione di batteria: il sistema in sé potrebbe essere molto meno eco-friendly di quanto PopSci affermi. Sempre dall'articolo: «I caricatori wireless di oggi forniscono l'86% della potenza di un caricatore a filo, quindi non c'è un grande aumento dei tempi di ricarica». Ma c'è un evidente problema di efficienza: se, a parità di potenza, col caricatore wireless passa l'86% della carica vuol dire che è il 14% meno efficiente di un caricatore a filo. E che quel 14% si spreca. Solitamente in calore, a giudicare dalle lamentele di chi sta sperimentando i primi gadget elettronici con ricarica wireless che hanno proprio il problema del surriscaldamento quando sono sotto carica. Ma questo è un difetto che hanno anche alcuni tablet già in commercio... (sp)

Lunga vita alla batteria del tuo cellulare

25 giugno 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

La vita, privata e politica, di Winston Churchill, il grande statista inglese che ha salvato il mondo dalla follia di Hitler. Il segreto della sua forza, le – non poche – debolezze, l'infanzia e i talenti dell'inquilino più famoso di Downing Street. E ancora: come nel 1021 il vichingo Leif Eriksson “scoprì” l'America; nella Vienna di Klimt; tutti gli inquilini del Quirinale; Tangentopoli e la fine della Prima Repubblica.

ABBONATI A 29,90€

Il lockdown e la rivoluzione digitale stanno cambiando il nostro modo di curarci. Ecco come gestire al meglio televisite e bit-terapie. Inoltre, gli impianti nucleari di nuova generazione; la prima missione del programma Artemis che ci riporterà sulla Luna; i vaccini e le infinite varianti del Coronavirus

ABBONATI A 29,90€
Follow us