Ecologia

La ricarica wireless è davvero ecologica?

Togliendo il filo si perde il 14% della carica

di
Un recente articolo su PopSci prefigura un futuro in cui la ricarica wireless dei gadget elettronici ridurrà di molto le batterie che finiscono in discarica. Ma sarà poi vero?

"La ricarica wireless sarà presto molto diffusa, è un bene per l'ambiente?"

Wireless power -

Sono in corso esperimenti anche sulle auto elettriche a batteria, il che dimostra che la ricarica wireless funziona anche con accumulatori di grosse dimensioni e capacità

Stop alle discariche - Secondo PopSci, infatti, per anni si è detto che le batterie ricaricabili avrebbero tolto migliaia di tonnellate di velenosissimi accumulatori di carica dalle discariche. Ma, in realtà, ciò non è successo perché oggi in discarica, invece delle batterie normali, ci finiscono quelle ricaricabili. Poi però aggiunge: «La ricarica wireless presto sarà compatibile con molti dei dispositivi mobili di oggi, offrendo un metodo universale e più eco-friendly di ricarica». Una frase inspiegabile, visto che la batteria ricaricabile resta anche se la ricarica è senza fili.

Problemi di efficienza - Ma non è solo questione di batteria: il sistema in sé potrebbe essere molto meno eco-friendly di quanto PopSci affermi. Sempre dall'articolo: «I caricatori wireless di oggi forniscono l'86% della potenza di un caricatore a filo, quindi non c'è un grande aumento dei tempi di ricarica». Ma c'è un evidente problema di efficienza: se, a parità di potenza, col caricatore wireless passa l'86% della carica vuol dire che è il 14% meno efficiente di un caricatore a filo. E che quel 14% si spreca. Solitamente in calore, a giudicare dalle lamentele di chi sta sperimentando i primi gadget elettronici con ricarica wireless che hanno proprio il problema del surriscaldamento quando sono sotto carica. Ma questo è un difetto che hanno anche alcuni tablet già in commercio... (sp)

Lunga vita alla batteria del tuo cellulare

25 giugno 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us