Ecologia

La prima Volkswagen a due ruote

Volkswagen presenta l'eco bike.

Anche Volkswagen si lancia nel mercato dei mezzi a due ruote (con quasi un secolo e mezzo di ritardo sul concorrente Bmw)? Così pare, perché il suo Bik.e Mobility Concept, presentato ad Auto China 2010, il Salone dell’Automobile di Pechino, sembra più simile a un motorino, che ad una bicicletta.

“In Cina la Volkswagen presenta un’innovativa bici elettrica senza pedali”

Senza pedali – Guardando il video della presentazione, si nota che, alla "supposta" bici elettrica, mancano proprio i pedali. Non occorre faticare, ci pensa il motore elettrico, che rende la bici un mezzo 100% ecologico. La previsione di Volkswagen per il futuro della città prevede, dunque, automobili a emissioni ridotte per l’uso su strade a lungo scorrimento e per gli spostamenti più grandi. Nei centri storici e nelle areee a traffico limitato (sempre più presenti in tutte le metropoli europee), invece progetta mezzi ecologici più agili, come la piccola bici elettrica,

Al posto della ruota di scorta – La Bik.e è alimentata a batteria e monta un piccolo motore elettrico, che la fa viaggiare a una velocità di circa 20 km/h, anche se l’autonomia è per ora molto limitata: circa 20 Km. Il mezzo ecologico rappresenta comunque un interessante passo verso il giusto complemento dell’automobile, perfetto da usare come tender! Questa sorellina del maggiolone, infatti, è tutta pieghevole e la sua curiosa forma è studiata apposta per farla entrare perfettamente nel vano della ruota di scorta. Di che auto? Ma di una Golf, naturalmente!

30 aprile 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Oggi il presidente ucraino Zelensky, ieri l'imperatore Claudio, la contessa-guerriera Caterina Sforza, il sindacalista Lech Walesa, il sovrano Giorgio VI... Tutti leader per caso (o per forza) che le circostanze hanno spinto a mettersi in gioco per cambiare il corso della Storia. E ancora: nella Urbino di Federico da Montefeltro, un grande protagonista del Rinascimento; 30 anni fa, la morte di Giovanni Falcone a Capaci; lo scandalo Watergate che costrinse il presidente Nixon alle dimissioni; i misteri, mai risolti, attorno all'omicidio di Giovanni Borgia.

ABBONATI A 29,90€

Il mare è vita eppure lo stiamo sfruttando e inquinando rischiando il collasso dell’ecosistema globale. Per salvarlo dobbiamo intervenire. Come? Inoltre: perché è difficile prendere decisioni; esiste l'archivio globale dei volti; come interagire con complottisti e negazionisti; perché i traumi di guerra sono psicologicamente pesanti.

ABBONATI A 31,90€
Follow us