Ecologia

La pausa pranzo può essere zen, così si lavora in armonia

Prendersi tempo, anche se poco, scegliere gli alimenti buoni per il corpo e per la mente e, soprattutto, consumarli nel modo giusto. I fondamenti zen ne "L'arte di lavorare in consapevolezza" del monaco buddhista, poeta e attivista vietnamita per la pace Thich Nhat Hanh

Roma, 30 gen. - (AdnKronos) - Uno spuntino al volo continuando a lavorare, qualcosa da sgranocchiare velocemente tra un impegno e l'altro o giusto per fare qualcosa. Mangiare al lavoro spesso si riduce a questo, quando invece potrebbe essere uno dei momenti della giornata a cui dedicare particolare cura, perché in grado di contribuire a realizzare un ambiente lavorativo felice, armonico, senza tensioni.

Come? Le regole fondamentali sono: avere consapevolezza del sé, o presenza mentale; prendersi del tempo, anche se poco, da dedicare esclusivamente all'atto di mangiare; scegliere con cura gli alimenti che consumeremo durante la pausa pranzo. Alla base ci sono i fondamenti zen e a svelarli è il monaco buddhista, poeta e attivista vietnamita per la pace Thich Nhat Hanh che, costretto all'esilio, nel 1984 ha fondato una comunità di monaci e laici, il Plum Village, nei pressi di Bordeaux, in Francia, dove vive e insegna l'arte di vivere in "consapevolezza".

Ora applicata all'ambito professionale e spiegata passo dopo passo nel libro "L'arte di lavorare in consapevolezza" (Terra Nuova Edizioni).

Non fa eccezione la pausa pranzo o lo spuntino che spesso si fa solo perché ci sentiamo stressati, ansiosi o preoccupati per il lavoro e vogliamo coprire queste sensazioni spiacevoli mangiando o bevendo. Quando si sente questo impulso, il consiglio è di sedersi e respirare concentrandosi (in presenza mentale) per calmare le sensazioni di preoccupazione o di inquietudine.

Quando si mangia al lavoro la regola fondamentale è comunque quella di prendersi del tempo per pensare a cosa si sta mangiando e se il cibo che abbiamo scelto è nutriente per il corpo e lo spirito. In molte parti dell’Asia, fin dai tempi antichi, non si fa distinzione tra cibo e medicine: quel che mangiamo deve essere benefico per il corpo e la mente e dovrebbe mantenere in noi l’equilibrio e il benessere.

"Quando mangiamo e respiriamo in modo corretto nutriamo il sangue, il corpo e lo spirito; se invece non mangiamo cibi del giusto tipo, o se mangiamo troppo, questo può farci ammalare sia nel corpo che nella mente - ricorda Thich Nhat Hanh - Dovremmo scegliere con cura quel che mangiamo e masticare bene il cibo".

Ma anche gli alimenti buoni vanno mangiati con "consapevolezza". Scrive Thich Nhat Hanh: "se riesci a scegliere uno spuntino sano da mangiare al lavoro, potresti comunque mangiarlo in modo malsano, per esempio continuando a lavorare con una mano mentre reggi il cibo con l’altra. La prossima volta che fai uno spuntino al lavoro, per esempio mangiando un mandarino, per favore mettitelo sul palmo della mano e guardalo in modo da renderlo reale.

Non ci vuole tanto tempo, solo due o tre secondi".

"Guardandolo puoi vedere un bell’albero, un fiore, il sole e la pioggia, e anche un piccolo frutto che si sta formando. Puoi vedere il suo colore cambiare dal verde all’arancione, puoi vedere il mandarino che diventa dolce. Se guardi il mandarino in questo modo ti rendi conto che contiene tutto l’universo, il sole, la pioggia, le nuvole, gli alberi, le foglie, tutto quanto. Sbucciare il mandarino, annusarlo e gustarlo può renderti molto felice".

30 gennaio 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us