Ecologia

La Norvegia vuole catturare le emissioni di CO2

Inaugurato nuovo impianto.

di
La raffineria norvegese di Mongstad inaugura l'impianto di cattura della CO2. Un groviglio di tubi, mille dubbi e una sola certezza: è costato un miliardo di dollari.

"Nascondere sotto il tappeto la CO2 basterà a salvare il nostro pianeta?"

Mongstad festeggia -

raffineria di Mongstad

Come funziona la CCS - Catturare e nascondere sotto terra l'anidride carbonica, a differenza di quanto si possa credere e di quanto molti dicano, non è affatto una cosa semplice. Bisogna prima "intercettarla" facendo passare i fumi attraverso dei composti chimici che separano la CO2 - prodotta sia dalle raffinerie che dalle centrali elettriche - dagli altri gas. Proprio la scelta di queste sostanze ha causato i ripetuti rinvii dell'impianto CCS di Mongstad perché la stessa Statoil aveva seri dubbi sull'uso di ammine, nitrammine e nitrosammine. Tutti composti chimici che riescono a trattenere la CO2, ma che usati in grandi quantità possono essere molto rischiosi per la salute umana. Alla fine Statoil ha scelto le nitrammine, che tra le varie scelte era quella meno rischiosa.

Ne vale la pena? - Tutto questo per la modica cifra di 5,77 miliardi di corone norvegesi di spesa - più o meno un miliardo di dollari - a fronte delle previsioni iniziali di 257 milioni di corone. E ancora non si sa esattamente quanto costerà tenere sotto terra la CO2. Il vero scopo degli impianti CCS, infatti, è quello di nascondere la polvere sotto il tappeto intrappolando l'anidride carbonica nei giacimenti di petrolio e gas ormai esausti. E sono in molti a scommettere che, alla lunga, questo porta all'acidificazione delle falde acquifere con ulteriori danni all'ambiente. Siamo proprio sicuri che sia questo il modo migliore di progettare il nostro futuro? (sp)

Mediterraneo: sole, mare e pannelli solari

11 maggio 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us