Ecologia

La nave di Greenpeace trattenuta in Spagna dopo la protesta contro le trivellazioni

Il ministero del Lavori Pubblici e dei Trasporti ha messo in stato di fermo l’Arctic Sunrise fino a quando non sarà conclusa l’inchiesta in merito all'azione pacifica dello scorso 15 novembre, quando due attivisti (una italiana e uno spagnolo) sono rimasti feriti dopo uno scontro in mare con la Marina spagnola

Roma, 19 nov. - (AdnKronos) - La nave di Greenpeace Arctic Sunrise è posta da ieri in stato di fermo dalle autorità spagnole nel porto di Arrecife, a Lanzarote, a seguito dell’azione di protesta non violenta di sabato scorso contro le trivellazioni offshore di Repsol al largo delle Isole Canarie. "Il fermo dell’Arctic Sunrise è un’offesa ai diritti di tutte le persone che si battono per difendere l’ambiente", dichiara Andrea Boraschi, responsabile della campagna Energia e Clima di Greenpeace Italia.

"Questo provvedimento dimostra che il governo spagnolo preferisce difendere gli interessi privati di una compagnia petrolifera, la Repsol, contro un’organizzazione ambientalista e pacifista che oggi è al fianco di milioni di persone, per opporsi alla minaccia costituita delle esplorazioni petrolifere".

Il ministero del Lavori Pubblici e dei Trasporti ha messo in stato di fermo l’Arctic Sunrise, nave che appartiene a Greenpeace International, fino a quando non sarà conclusa l’inchiesta in merito alla protesta pacifica dello scorso 15 novembre, quando due attivisti di Greenpeace (una italiana e uno spagnolo) sono rimasti feriti dopo uno scontro in mare con la Marina spagnola.

Il governo spagnolo ha aperto un’inchiesta contro il capitano dell’Arctic Sunrise, per una presunta 'violazione delle regole del traffico marittimo' - dettagliata nell’Art. 308 della legge sui Porti di Stato e sulla Marina Mercantile- sanzionabile con una multa sino a trecentomila euro. In attesa dell’esito del procedimento disciplinare, le autorità spagnole hanno ordinato che la nave venga trattenuta fino a che non verrà pagata una cauzione di 50 mila euro. Il capitano e l’equipaggio non sono in stato di fermo.

"Riteniamo che queste misure siano una risposta del tutto sproporzionata a una protesta non violenta contro attività petrolifere estremamente pericolose", continua Boraschi. "Greenpeace e i suoi attivisti si assumono sempre la responsabilità delle proprie azioni ma non possono accettare provvedimenti che considerano ingiusti, non possono accettare la violazione del diritto alla protesta pacifica e del diritto a un ambiente sano e pulito", conclude.

19 novembre 2014 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us