Ecologia

La nave di Greenpeace trattenuta in Spagna dopo la protesta contro le trivellazioni

Il ministero del Lavori Pubblici e dei Trasporti ha messo in stato di fermo l’Arctic Sunrise fino a quando non sarà conclusa l’inchiesta in merito all'azione pacifica dello scorso 15 novembre, quando due attivisti (una italiana e uno spagnolo) sono rimasti feriti dopo uno scontro in mare con la Marina spagnola

Roma, 19 nov. - (AdnKronos) - La nave di Greenpeace Arctic Sunrise è posta da ieri in stato di fermo dalle autorità spagnole nel porto di Arrecife, a Lanzarote, a seguito dell’azione di protesta non violenta di sabato scorso contro le trivellazioni offshore di Repsol al largo delle Isole Canarie. "Il fermo dell’Arctic Sunrise è un’offesa ai diritti di tutte le persone che si battono per difendere l’ambiente", dichiara Andrea Boraschi, responsabile della campagna Energia e Clima di Greenpeace Italia.

"Questo provvedimento dimostra che il governo spagnolo preferisce difendere gli interessi privati di una compagnia petrolifera, la Repsol, contro un’organizzazione ambientalista e pacifista che oggi è al fianco di milioni di persone, per opporsi alla minaccia costituita delle esplorazioni petrolifere".

Il ministero del Lavori Pubblici e dei Trasporti ha messo in stato di fermo l’Arctic Sunrise, nave che appartiene a Greenpeace International, fino a quando non sarà conclusa l’inchiesta in merito alla protesta pacifica dello scorso 15 novembre, quando due attivisti di Greenpeace (una italiana e uno spagnolo) sono rimasti feriti dopo uno scontro in mare con la Marina spagnola.

Il governo spagnolo ha aperto un’inchiesta contro il capitano dell’Arctic Sunrise, per una presunta 'violazione delle regole del traffico marittimo' - dettagliata nell’Art. 308 della legge sui Porti di Stato e sulla Marina Mercantile- sanzionabile con una multa sino a trecentomila euro. In attesa dell’esito del procedimento disciplinare, le autorità spagnole hanno ordinato che la nave venga trattenuta fino a che non verrà pagata una cauzione di 50 mila euro. Il capitano e l’equipaggio non sono in stato di fermo.

"Riteniamo che queste misure siano una risposta del tutto sproporzionata a una protesta non violenta contro attività petrolifere estremamente pericolose", continua Boraschi. "Greenpeace e i suoi attivisti si assumono sempre la responsabilità delle proprie azioni ma non possono accettare provvedimenti che considerano ingiusti, non possono accettare la violazione del diritto alla protesta pacifica e del diritto a un ambiente sano e pulito", conclude.

19 novembre 2014 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us