Ecologia

L'impatto delle strade sugli ecosistemi

Una nuova mappa quantifica l'impronta ambientale delle vie di trasporto sulle aree naturali: le arterie stradali le hanno spezzettate in 600 mila frammenti discontinui, spesso non protetti.

A furia di costruire strade abbiamo frammentato la superficie terrestre in 600 mila "fazzoletti", in gran parte troppo piccoli per supportare la vita selvaggia.

A tracciare l'impatto dell'urbanizzazione - e nella fattispecie della costruzione di arterie stradali - sulla Terra è uno studio internazionale pubblicato su Science e guidato dalla Eberswalde University for Sustainable Development (Germania), che ha analizzato due archivi open access e 282 pubblicazioni sulle strade che attraversano il mondo, per un totale di 36 milioni di km di asfalto.

Quel che resta. Ne emerge, in negativo, una mappa delle aree ancora libere dalle strade e dal corollario che queste portano con sé: urbanizzazione, inquinamento, attività estrattive, disboscamento. Più della metà dei 600 mila frammenti di superficie libera tra una strada e l'altra misura meno di un km quadrato. Solo il 7% si estende per più di 100 km quadrati, e solo un terzo delle aree libere è davvero "selvaggio" (le altre sono, per esempio, coltivate).

La mappa delle aree libere da strade. In blu, le meno frammentate e meglio connesse; in rosso, quelle in cui la suddivisione è più accentuata. © P Ibisch et al/Science

Dove si trovano. Gli ultimi grandi sprazzi di aree senza strada sorgono nelle foreste pluviali dell'Amazzonia e dell'Indonesia, nella tundra del nord della Russia e nelle foreste canadesi. Praticamente tutta l'Europa occidentale, gli Stati Uniti orientali e il Giappone rimangono senza aree totalmente libere da strade.

In futuro. Da qui al 2050, la lunghezza totale delle strade mondiali è destinata ad aumentare del 60%. Eppure finora solo il 5% delle aree rimaste libere gode di un'adeguata protezione legislativa. Secondo alcuni, inoltre, le stime della ricerca potrebbero essere persino ancora troppo conservative. Molte delle strade realizzate in Borneo per il commercio di olio di palma, per esempio, devono ancora essere registrate.

16 dicembre 2016 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

La (brutta) storia della follia raccontata attraverso i re e gli imperatori ritenuti pazzi, i rimedi adottati nei secoli per “curarla” e l'infinita serie di pregiudizi e superstizioni che hanno reso la vita dei malati un inferno peggiore del loro male. E ancora: quando le donne si sfidavano a duello; la feroce Guerra delle due Rose, nell'Inghilterra del '400.

ABBONATI A 29,90€

Senza l'acqua non ci sarebbe la Terra, l'uomo è l'animale che ne beve di più, gli oceani regolano la nostra sopravvivenza: un ricco dossier con le più recenti risposte della scienza. E ancora: come agisce un mental coach; chi sono gli acchiappa fulmini; come lavorano i cacciatori dell'antimateria; il fiuto dei cani al servizio dell'uomo.

ABBONATI A 29,90€
È vero che il mare non è sempre stato blu? La voglia di correre è contagiosa? Perché possiamo essere crudeli con gli altri? Si possono deviare i fulmini? Che cosa fare (e cosa non fare) per piacere di più? Queste e tantissime altre domande e risposte, sempre curiose e divertenti, sul nuovo numero di Focus D&R.
 
ABBONATI A 29,90€
Follow us