Ecologia

La famosa invasione del pittosforo in Giamaica

Una specie australiana sta velocemente conquistando terreno in un parco nazionale dei Caraibi: un esempio di invasione biologica da studiare con attenzione.

L’isola di Giamaica, come molte altre nei Caraibi, è una vera fucina di biodiversità, con il 41% di specie endemiche di piante e moltissime altre di insetti e uccelli. Purtroppo l’impatto delle attività umane anche nelle zone protette si sta facendo sentire: un articolo sulla rivista Biological Conservation (qui l’articolo originale, in inglese) ha seguito la sorte di una pianta invasiva all’interno di una parco nazionale in Giamaica.

La pianta, il Pittosporum undulatum, originaria dell’Australia orientale, è stata introdotta alla fine del diciannovesimo secolo in un giardino botanico nei pressi del Parco nazionale delle Blue and John Crow Mountains. Da allora ha iniziato una veloce (per i tempi biologici) conquista del territorio. Il pittosforo, parente della specie che è usata anche in Italia per costruire siepi e bordure sulle coste, può crescere fino a 14 metri di altezza.

nuove specie, suriname
Rane di cioccolato... Le nuove specie scoperte in Suriname. © Stuart V. Nielsen

Conquista vegetale. Lo studio, effettuato da botanici di varie nazioni, ha chiarito che la rapida espansione del pittosforo è stata aiutata da alcuni fattori importanti. Per esempio il fatto che i semi sono mangiati dagli uccelli locali, che quindi li spargono velocemente sul territorio. Oppure che la specie tollera le zone in ombra, come sono quelle della foresta tropicale montana, tipica del parco nazionale.

Ma soprattutto l’invasore ha avuto una grossa mano dall’uragano Gilbert, che ha colpito la zona nel 1988, disturbando quindi l’ecosistema e aprendo la strada alla specie invasiva. Il risultato è stata una diminuzione di alcuni aspetti della biodiversità del parco nazionale.

Un problema globale. La storia del pittosforo in Giamaica è esemplificativa di quanto sta accadendo un po’ in tutto il mondo con animali e vegetali non nativi. Introdotti in nuovi ambienti, possono approfittare di alcune condizioni particolari, come la mancanza di predatori per gli animali o il terreno adatto per le piante, e aumentare in fretta il territorio da loro occupato, combattendo le specie originarie e quindi abbassando alcuni aspetti della biodiversità.

Grazie a queste dinamiche le specie invasive hanno causato danni in tutto il mondo per miliardi di dollari.

5 gennaio 2018 Marco Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

La morte atroce (e misteriosa) di Montezuma, la furia predatrice dei conquistadores, lo splendore della civiltà azteca perduta per sempre: un tuffo nell'America del sedicesimo secolo, per rivivere le tappe della conquista spagnola e le sue tragiche conseguenze. 

ABBONATI A 29,90€

Il ghiaccio conserva la storia del Pianeta: ecco come emergono tutti i segreti nascosti da milioni di anni. Inoltre: le aziende agricole verticali che risparmiano terra e acqua; i tecno spazzini del web che filtrano miliardi di contenuti; come sarà il deposito nazionale che conterrà le nostre scorie radioattive; a che cosa ci serve davvero la mimica facciale.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa sono i pianeti puffy? Pianeti gassosi di dimensioni molto grandi ma di densità molto bassa. La masturbazione è sempre stata un tabù? No, basta rileggere la storia della sessualità. E ancora: perché al formaggio non si può essere indifferenti? A quali letture si dedicano uomini e donne quando sono... in bagno?

ABBONATI A 29,90€
Follow us