Ecologia

La cyber spazzatura aumenta: meglio riciclarla

I rifiuti provenienti dall'industria elettronica sono in aumento.

La cyber spazzatura aumenta: meglio riciclarla
I rifiuti provenienti dall'industria elettronica sono in aumento.

In Europa produciamo 20 chili all'anno di spazzatura elettronica. Ed è in continuo aumento.
In Europa produciamo 20 chili all'anno di spazzatura elettronica. Ed è in continuo aumento.

Lo Stato della California (Usa) sta varando un decreto che per la prima volta obbliga l'industria elettronica a occuparsi dei propri prodotti anche quando diventano rifiuti. I rivendori di monitor per computer, ma anche di televisioni, dovranno aggiungere un sovrapprezzo a ogni loro prodotto, per poter far fronte alle spese necessarie per riciclare il materiale obsoleto. Il contributo richiesto all'acquirente si aggirerà intorno ai 10 euro.
Il costo effettivo del trattamento viene invece calcolato tra i 15 e i 30 euro per terminale. Secondo le stime, in America vengono gettati 10 milioni di vecchi computer ogni giorno.
Cyber spazzatura. L' Europa non è da meno: il 4 per cento del totale dei rifiuti urbani è costituito da quelli tecnologici, con una media di circa 5 milioni di tonnellate all'anno. Sono però in continua crescita. Le apparecchiature informatiche sono composte da più di mille diversi materiali, tra i quali alcuni metalli pesanti. Un pc mediamente è composto dal 22,9 % di plastica, 6,3% piombo, 20,5% ferro, 14,2% alluminio, 6,9% rame, 1% stagno, 2,2% zinco, 0,0016% oro, 24,8% silicio, oltre a tracce di cadmio, mercurio e cromo.
Sul territorio europeo, un freno alla produzione di questo tipo di rifiuti è stato proposto dal consorzio Ecoqual'It, associato a Federinformatica, in collaborazione con il Wwf Italia. Si tratta di un premio che verrà assegnato alle aziende produttrici che promuovono sistemi di produzione e smaltimento dei prodotti in sintonia con l'ambiente.

(Notizia aggiornata il 26 settembre 2002)

26 settembre 2002
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cent'anni fa, la scoperta del secolo: la tomba di Tutankhamon – l'unica ritrovata intatta nella Valle dei Re - svelò i suoi tesori riempendo di meraviglia gli occhi di Howard Carter prima, del mondo intero poi. Alle sepolture più spettacolari di ogni epoca è dedicato il primo piano di Focus Storia. E ancora: la guerra di Rachel Carson, la scienziata-scrittrice pioniera dell'ambientalismo; i ragazzi italiani assoldati nella Legione Straniera e mandati a morire in Indocina; Luigi Ferri, uno dei pochi bambini sopravvissuti ad Auschwitz, dopo lunghi anni di silenzio, si racconta.

ABBONATI A 29,90€

L'amore ha una scadenza? La scienza indaga: l’innamoramento può proseguire per tre anni. Ma la fase successiva (se ci si arriva) può continuare anche tutta la vita. E l'AI può dirci quanto. E ancora, Covid: siamo nel passaggio dalla fase di pandemia a quella endemica; le storie geologiche delle nostre spiagge; i nuovi progetti per proteggere le aree marine; tutti i numeri dei ghiacciai del mondo che stanno fondendo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us