Ecologia

La bioplastica animale: ecologica ma...

Un gruppo di ricercatori americani ha sviluppato una speciale plastica biodegradabile a partire dagli scarti della macellazione animale. Ecolgica o agghiacciante? E tu? Ti compreresti un casco o un paio di sci in bioplastica di mucca? (Focus.it, 1 aprile 2011)

Del maiale, si sa, non si butta via niente. Ma neanche della mucca, del pollo, del coniglio, nè di tutti gli altri animali che, loro malgrado, finiscono sulle nostre tavole.
Un gruppo di ricercatori della Clemson University (South Carolina) ha messo a punto un nuovo tipo di plastica ecologica e biodegradabile utilizzando come materia prima, al posto del petrolio, una farina ottenuta da ossa animali, ritagli di carne e avanzi di macelleria assortiti.

Eco-mostri?
Fehime Vatansever e i suoi colleghi hanno mixato la farina animale con polietilene, una plastica dura comunemente impiegata nell'industria, nella produzione di sci e di attrezzi sportivi.
Il nuovo biomateriale ha la stessa durata e resistenza del comune politetilene ma, almeno in parte, è completamente biodegradabile.
Le farine animali sono un prodotto a basso costo e disponibile in grandi quantità: ritenute responsabili della diffusione dell’encefalopatia spongiforme bovina, o morbo della mucca pazza, fino a qualche anno sono state comunemente impiegate per l’alimentazione degli animali da carne perchè ricche in proteine.
Oggi sono state messe al bando in tutti i paesi occidentali e, tranne una piccola parte che viene utilizzata come fertilizzante, vengono smaltite in speciali discariche.
Ma la plastica animale è quindi pericolosa? «No», spiegano gli esperti, «perchè il processo industriale impiegato nella produzione rende del tutto inattivo il prione respnsabile della malattia».
Eppure siamo convinti che questo tipo di ecoplastica non incontrerà il favore di molti ecologisti...

1 aprile 2011
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Perché Gesù finì sulla croce? A chi dava fastidio davvero, e di cosa fu accusato? Nella Palestina di duemila anni fa, ricostruiamo il processo che condannò alla più terribile delle pene il predicatore di Nazareth, consegnandolo per sempre alla Storia e, per i credenti, alle braccia del Padre.

ABBONATI A 29,90€

Il cervello è l'organo più complesso da scoprire. Ecco le ultime rivelazioni della scienza. Inoltre: i laboratori bunker dove si manipolano i virus; tornano i supersonici per attraversare la stratosfera; quanto e come si allenano gli atleti delle Olimpiadi.  E ancora sei bugiardo o super bugiardo? Scoprilo con il test. 

ABBONATI A 29,90€
È vero che il mare non è sempre stato blu? La voglia di correre è contagiosa? Perché possiamo essere crudeli con gli altri? Si possono deviare i fulmini? Che cosa fare (e cosa non fare) per piacere di più? Queste e tantissime altre domande e risposte, sempre curiose e divertenti, sul nuovo numero di Focus D&R.
 
ABBONATI A 29,90€
Follow us