Ecologia

La biomassa negli oceani non è più quella che dovrebbe essere

Il rapporto tra animali di grandi e piccole dimensioni negli oceani si sta sbilanciando a favore dei secondi, non sappiamo ancora con quali conseguenze.

Non è difficile dimostrare quanto male l'attività umana stia facendo agli oceani del Pianeta - basta leggere una qualsiasi notizia che parla di inquinamento, pesca eccessiva, riscaldamento globale, microplastiche... Gli oceani, però, sono un ecosistema complesso, e gli effetti a lungo termine delle nostre azioni non sono sempre prevedibili o facili da identificare. Una dimostrazione la dà uno studio pubblicato su Science Advances che, per brevità, si potrebbe riassumere così: la nostra influenza sugli ecosistemi marini è talmente forte che stiamo sovvertendo una legge fondamentale della natura.

Lo spettro di Sheldon. L'affermazione può suonare apocalittica (e un po' lo è), ma è sostanzialmente corretta: per capirla bisogna però prima sapere che cos'è lo "spettro di Sheldon" (Sheldon spectrum). Il riferimento è a uno studio del 1972 firmato da R.W. Sheldon, che descrive un fenomeno relativo alla distribuzione della biomassa acquatica. Immaginate di dividere tutte le forme di vita degli oceani, dai batteri alle balene, in categorie in base alle loro dimensioni. Ogni categoria rappresenta un ordine di grandezza, per cui, per esempio, un delfino verrà messo nella categoria "da 1 a 10 metri" mentre una balena in quella successiva, "da 10 a 100". Sheldon dimostrò che la concentrazione di biomassa negli oceani è sostanzialmente costante per tutti gli ordini di grandezza: in altre parole, se un animale è dieci volte più piccolo di un altro, allora ce ne saranno dieci volte tanti negli oceani.

Il team guidato da Ian Hatton del Max Planck Institute ha provato a mettere alla prova la validità di questa teoria, e a controllare come stanno le cose negli oceani attuali. I ricercatori hanno quindi costruito due modelli: uno che simulasse le condizioni di un oceano ideale, senza inquinamento e con la temperatura corretta, e uno che simulasse invece quelle degli oceani attuali, e che quindi tenesse conto, tra le altre cose, del prelievo forzato e massiccio di certe specie di pesci (con la pesca), dell'aumento delle temperature e del disturbo o della distruzione di molti habitat marini - tutti dati ottenuti da osservazioni dirette e indirette (per esempio con satelliti o sonar) e campionamenti di acqua di mare.

La rottura dello spettro. Quello che hanno scoperto è che in condizioni ideali l'oceano rispecchia alla perfezione lo spettro di Sheldon, ma nella realtà l'equilibrio si sta rompendo: le forme di vita che appartengono alle categorie più piccole (batteri e similari) stanno aumentando di numero, mentre quelle più grosse diminuiscono; in particolare i "pesi massimi" (soprattutto le balene) hanno subito, negli ultimi due secoli, un calo di quasi il 90% della loro biomassa totale (anche se ora le cose vanno meglio). Quali sono gli effetti di questo sbilanciamento dell'equilibrio naturale? Ancora non possiamo saperlo, ma se dovessimo scommetterci diremmo che non sono positivi.

10 dicembre 2021 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us