Ecologia

La Befana arriva anche per l'ambiente. Per il Wwf l'unico carbone buono è di zucchero

Per l'organizzazione ambientalista è la principale minaccia per il clima del pianeta. In Italia sono in funzione 13 centrali

Roma, 5 gen. - (AdnKronos) - "Il carbone dolce che tradizionalmente la Befana il 6 gennaio porta ai bambini è l’unico carbone che piace all’ambiente, visto che il vero carbone è il combustibile fossile che minaccia di più la nostra salute e il clima". Lo afferma il Wwf ricordando che, come riporta la campagna ‘no al carbone, si al futuro’, il carbone rilascia in atmosfera, nei terreni e nelle acque, le maggiori quantità di inquinanti a parità di energia prodotta ed.

"Il governo merita un grosso sacco di carbone vero: in barba agli impegni dichiarati di non favorire l'uso del carbone, ha concluso l'anno con oscuri provvedimenti tesi a far eludere le norme ambientali e consentire la riapertura della centrale di Vado Ligure, posta sotto sequestro dalla magistratura che ha documentato i danni alla salute dell'impianto inquinante; la centrale sorge oltretutto in pieno centro abitato e non rispetta le prescrizioni dell'autorizzazione ambientale" afferma Mariagrazia Midulla, responsabile Clima ed Energia del Wwf Italia, secondo cui "quelli assunti a fine anno sono provvedimenti poco trasparenti che garantiscono i debiti dell'azienda e non certo la salute dei cittadini, l'ambiente e nemmeno i lavoratori".

Nel sito dedicato alla campagna è pubblicato il recente edizione del rapporto ‘Carbone: un ritorno al passato inutile e pericoloso’ dove si legge che ‘attualmente in Italia sono in funzione 13 centrali a carbone, assai diverse per potenza installata e anche per la tecnologia impiegata. Questi impianti hanno prodotto circa 44.726 Gwh nel 2011, 49.141Gwh nel 2012 e 45.104 Gwh nel 2013 contribuendo rispettivamente all’12,9%, al 14,4% e al 13,7% del fabbisogno elettrico complessivo.

A fronte di questi dati, il Wwf sottolinea che gli impianti a carbone nel 2011 avevano prodotto oltre 38,3 milioni di tonnellate di Co2 che nel 2012 dovrebbero aver raggiunto circa 42,8 milioni di tonnellate e che ne 2013, malgrado il calo dei consumi, avrebbero superato 39,3 milioni di tonnellate, corrispondenti a oltre 1/3 di tutte le emissioni del sistema elettrico nazionale.

Il carbone è anche un grosso problema sanitario. Se si chiudessero tutte le centrali elettriche alimentate a carbone in Europa si eviterebbero oltre 18.200 morti ogni anno, si risparmierebbero 2.100.000 giorni di cure farmacologiche e fino a 42,8 miliardi di euro l’anno in costi sanitari, secondo quanto riferito dall’associazione europea Heal - Healt and Enviroment Alliance.

Secondo il recente dossier 'L’impatto sanitario del carbone - La funzione sociale del medico: promotore di salute e ambiente' ad esempio la chiusura dell’impianto di Vado ligure (secondo quanto scritto nel Decreto di Sequestro Preventivo dei gruppi a carbone della centrale termoelettrica di Vado Ligure, emesso da parte del Tribunale di Savona in data 11 marzo 2014) eviterebbe ogni anno mediamente: 86 ricoveri complessivi di bambini per patologie respiratorie e asma, 235 ricoveri complessivi di adulti (malattie cardiache più respiratorie) 48 morti tra gli adulti (malattie cardiache più respiratorie).

Secondo il Wwf, le centrali a carbone risultano sempre più inutili anche per il sistema energetico nazionale, in forte overcapacity con gli impianti costretti a funzionare a scartamento ridotto o addirittura a stare fermi. Del resto, sottolinea il Wwf, i dati sono chiari: in Italia ci sono oltre 125.000 Mw di potenza installata con una disponibilità reale (al netto delle manutenzioni e dei fattori di indisponibilità) di oltre 78.700 MW a fronte di una domanda di punta è rimasta pressoché invariata e che non ha mai superato i 56.822 MW (massimo picco storico).

5 gennaio 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia torna con un nuovo numero ricco di approfondimenti appassionanti. Questo mese, uno speciale dedicato al fallito attentato a Hitler del 20 luglio 1944. Scopri come Claus von Stauffenberg pianificò l'Operazione Valchiria, la spietata rappresaglia che ne seguì e gli incredibili colpi di fortuna che salvarono il Führer da 40 attentati.

Esaminiamo anche come Stalin riuscì a sopravvivere ai numerosi tentativi di eliminarlo e i rischi corsi da Mussolini.

Esploriamo poi le grandi imprese come la conquista del K2, la spedizione che scalò la seconda cima più alta del mondo e la storia delle crociere con “E il navigar m’è dolce”, tra balli, sport, cibo e divertimento.

Raccontiamo la Grande Guerra attraverso le cartoline dell’epoca e vi diamo un'anteprima di una bella mostra a Buckingham Palace con le foto private dei reali.

Approfondiamo la storia del servizio di leva e delle Olimpiadi antiche, e rivivi l'epoca d'oro della televisione italiana con Corrado.

Non perdere questo numero di Focus Storia!

ABBONATI A 29,90€

Focus torna con un nuovo numero ricco di spunti e approfondimenti. Questo mese, ci immergeremo nel complesso mondo delle relazioni amorose, esplorando le basi scientifiche che le rendono durature e felici.

Cosa rende un amore duraturo? Quali sono i segreti delle coppie che superano le sfide del tempo? Focus risponde a queste domande svelando i meccanismi ormonali e fisiologici dei legami più solidi. Scopri il tuo profilo di coppia con un test utile e divertente per comprendere meglio la tua relazione.

Esploriamo anche il mondo della scienza e della tecnologia, dall'internet quantistica all'atomtronica, celebriamo il centenario dei planetari e scopriamo i segreti dell'alpinismo estremo.

Non perdere questo numero di Focus: conoscenza, passione e scoperta ti aspettano in ogni pagina!

ABBONATI A 31,90€
Follow us