Ecologia

La banca mondiale dei semi si è allagata

Nemmeno il bunker apparentemente inviolabile delle Svalbard può sottrarsi agli effetti del riscaldamento globale: un'ondata di caldo anomalo ha causato la prima infiltrazione.

Le abbiamo affidato buona parte della sicurezza alimentare mondiale, sigillando al suo interno 500 milioni di semi, tra i più rari e fondamentali del Pianeta.

Eppure anche la Global Seed Vault, la banca mondiale dei semi tra i ghiacci delle isole Svalbard, ha dovuto piegarsi alle conseguenze del clima che cambia. Venerdì ha lasciato il mondo con il fiato sospeso, quando un'infiltrazione d'acqua è riuscita a farsi largo nel tunnel di ingresso lungo 100 metri della struttura.

Salvi. Fortunatamente l'evento non ha intaccato i campioni di semi, sigillati in buste a prova di umidità in un bunker alla fine della galleria, in una zona rialzata e protetta da due pompe studiate per rimuovere ogni possibile traccia d'acqua.

I semi sono sigillati, protetti in un bunker rialzato e conservati a -18 °C. Rimane altamente improbabile che l'acqua possa raggiungerli. © Global Crop Diversity Trust

E se non fossimo stati lì? Ma in ogni caso, è un episodio che fa riflettere: il luogo in cui si trova la "cassaforte" è stato scelto apposta per le rigide temperature, che le consentono di operare in condizioni di refrigerazione naturale, senza bisogno di grandi dispendi energetici. Inoltre la banca è pensata per funzionare anche senza la supervisione umana, per proteggere i semi proprio dagli effetti - anche ben più catastrofici - del riscaldamento globale. Se è accaduto questo ora, che cosa potrebbe succedere in futuro?

Condizioni eccezionali. Le temperature anomale dell'anno più caldo di sempre - il 2016 - hanno causato intense precipitazioni e lo scioglimento dei ghiacci laddove si sarebbero dovute registrare, invece, moderate nevicate. «Non avevamo previsto che il permafrost potesse non esserci più, e che avremmo dovuto sopportare condizioni meteo estreme come queste» ha detto Hege Njaa Aschim, responsabile della struttura per il governo norvegese.

Un gelido benvenuto. L'acqua di fusione è così penetrata nel tunnel di ingresso dove è subito ghiacciata, prima ancora di riuscire a raggiungere la cassaforte (dove la temperatura è, comunque, di -18 °C: non riuscirebbe a minacciare i semi ancora allo stato liquido).

Nuove barriere. I responsabili del bunker stanno ora correndo ai ripari: il tunnel verrà ulteriormente impermeabilizzato, e si scaveranno, nella montagna, alcuni canali per far drenare l'acqua di scioglimento prima che possa raggiungere l'entrata.

22 maggio 2017 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us