Ecologia

L'uomo si è mangiato tutto il pesce

I grandi pesci sono diminuiti del novanta per cento; e tutto per colpa della pesca.

L'uomo si è mangiato tutto il pesce
I grandi pesci sono diminuiti del novanta per cento; e tutto per colpa della pesca.

Un peschereccio. È forse destinato a scomparire, come grandi pesci quasi completamente scomparsi dagli oceani?
Un peschereccio. È forse destinato a scomparire, come grandi pesci quasi completamente scomparsi dagli oceani?

Secondo una ricerca che ha raccolto i dati di oltre 50 anni, l'attività di pesca dell'uomo ha ridotto del 90 per cento la consistenza delle popolazioni di pesci di grandi dimensioni. Tonni, pesci spada, pesci vela, squali e merluzzi sono praticamente scomparsi dalle acque di tutti gli oceani.
Sono giunti a questa conclusione Ransom A. Myers e Boris Worm, il primo canadese il secondo tedesco, che hanno esaminato centinaia di tabelle di pesca provenienti da tutto il mondo, ma in particolare i dati dei palamiti giapponesi, lunghissimi fili con migliaia di ami in cui rimangono impigliati tonni, squali, e pesci vela, ma anche tartarughe marine e albatros (nei mari antartici). Se fino a qualche decina d'anni fa nei palamiti si catturavano 10 pesci ogni 100 ami, ora la media è 1 pesce ogni 100 ami.
Assalto all'amo bianco. Gli autori dell'articolo sono giunti alla conclusione che quando uno stock di grossi pesci è scoperto, l'industria della pesca impiega non più di 10-15 anni per spazzare via quasi completamente i pesci. «Molti responsabili delle industrie della pesca non accettano questi risultati, perché non hanno alcun punto di riferimento da cui partire. Se oggi peschiamo pesci di 50 centimetri, decenni fa avevamo esemplari di 2 metri e oltre. Il mare era letteralmente pieno di mostri».
Quindi secondi i ricercatori i pesci non sono solo diminuiti di numero, ma anche di dimensioni; facendo le somme di queste riduzioni, la biomassa totale del pescato nel mare è calata di oltre il 90 per cento.
La cura? Smettere di pescare. Il rimedio ci sarebbe, dicono gli esperti, ma è lungo e doloroso: sarebbe necessario ridurre le quote di pescato, ridurre lo sforzo di pesca, tagliare spietatamente i sussidi all'industria, ridurre il bycatch (i pesci catturati e ributtati in mare) e creare una rete di riserve marine.
«Per i pescatori all'inizio sarà un sacrificio, dice Myers, ma a lungo andare è uno sforzo che paga. Se il livello di pesca continuerà ancora, i grandi pesci oceanici faranno la fine dei dinosauri».

(Notizia aggiornata al 15 maggio 2003)

15 maggio 2003
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us