Ecologia

L'Italia del petrolio offshore, Canale di Sicilia e Adriatico le aree più ambite

Ad oggi sono 13 le piattaforme attive, ma tra istanze di concessione, permessi di ricerca rilasciati e istanze di permessi di ricerca e di prospezione non c'è costa o mare che si sottragga alla corsa all'oro nero, neanche lo Jonio, area marina vietata alle attività di ricerca di petrolio fino al 2011

Roma, 26 mar. - (AdnKronos) - Nella mappa italiana del petrolio offshore, sono il Canale di Sicilia e l'Adriatico centrale, nel tratto tra le Marche e il nord della Puglia, le zone più soggette ad attività, ma tra istanze di concessione, permessi di ricerca rilasciati e istanze di permessi di ricerca e di prospezione non c'è costa o mare che si sottragga alla corsa all'oro nero, neanche lo Jonio, area marina vietata alle attività di ricerca di petrolio fino al luglio 2011.

Nel 2011 “un emendamento al testo di recepimento della direttiva europea sui reati ambientali ha di fatto riaperto anche lo Jonio alle società estrattive - spiega all'Adnkronos Giorgio Zampetti, responsabile scientifico di Legambiente - Oggi, poi, anche il limite delle 12 miglia dalla costa vale solo per le nuove richieste, quindi non per quelle avanzate prima del 2010, praticamente tutte. E' così che Ombrina mare sorgerà a sole tre miglia dalla costa teatina”.

Ma qual è oggi il quadro delle attività e degli interessi per il petrolio italiano offshore? Tra le aree maggiormente interessate dalle estrazioni petrolifere ci sono l’Adriatico centrale (Zona B), di fronte le coste marchigiane e abruzzesi. Questo tratto di mare contiene il 56% delle riserve certe presenti nel sottofondo marino italiano e ad oggi vede la presenza di 6 piattaforme (Rospo mare A, B e C, Sarago Mare 1, sarago Mare A e Vongola Mare) da cui nel 2013 sono state estratte 221.312 tonnellate di petrolio.

Segue l’Adriatico meridionale (Zona F), dove sono conservate, stimate come riserve certe, 511 mila tonnellate di greggio: 2 le piattaforme attive di fronte a Brindisi (Aquila 2 e Aquila 3). C’è poi il canale di Sicilia (Zona C e G) dove si stimano 3,768 milioni di tonnellate come riserve certe (38,5% del totale) e da cui le 5 piattaforme attive estraggono (dato a fine 2013) ben 301.471 tonnellate di greggio (il 42% a livello nazionale). In tutto, in Italia sono attive 13 piattaforme, 69 pozzi, e solo per quanto riguarda il petrolio.

Due le piattaforme in attesa di autorizzazione, ma con parere positivo da parte della Commissione Via: sono Ombrina Mare e Vega B nel Canale di Sicilia.

I dati aggiornati a marzo 2015 parlano poi di 15 permessi di ricerca rilasciati per un'area di 5.423 kmq (6 nel Canale di Sicilia, 1 nello Jonio e 7 nell'Adriatico); 45 istanze di permessi di ricerca per un totale di oltre 26mila kmq; 8 istanze di permessi di prospezione (cioè le primissime indagini, quelle fatte – per intenderci - con airgun su aree molto vaste) che interessano Adriatico, Canale di Sicilia, Jonio e la nuova Zona E tra Sardegna e Baleari ).

26 marzo 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us