Ecologia

L'effetto serra e le diatomee

Le acque dei Poli racchiudono miliardi di microrganismi che stabilizzano il clima terrestre; se l'uomo non ci mettesse lo zampino.

L'effetto serra e le diatomee
Le acque dei Poli racchiudono miliardi di microrganismi che stabilizzano il clima terrestre; se l'uomo non ci mettesse lo zampino.

Fotografia al microscopio a scansione della diatomea Skeletonema punctatum, un'alga unicellulare planctonica, la cui parete cellulare (frustolo) contiene silicio.
Fotografia al microscopio a scansione della diatomea Skeletonema punctatum, un'alga unicellulare planctonica, la cui parete cellulare (frustolo) contiene silicio.

Sono le piante delle foreste tropicali ad assorbire l'eccesso di anidride carbonica prodotto dall'uomo che causa l'effetto serra. Ma anche le minuscole cellule che abitano a miliardi l'oceano, in particolare le diatomee, effettuano la fotosintesi clorofilliana e assorbono la CO2, che precipita poi con loro sul fondo dell'oceano. Un meccanismo che potrebbe rimediare agli eccessi “energetici” dell'uomo. Alcuni ricercatori americani e italiani hanno scoperto però che c'è un problema. Le diatomee che abitano nelle acque fredde, infatti, con il carbonio assorbito si costruiscono una specie di cappotto che protegge la loro parete cellulare fatta di silicio; quando precipitano, la copertura di carbonio è bloccata sul fondo dell'oceano e per sempre eliminata dall'atmosfera.
Che accade con l'effetto serra? Se la temperatura si alza, però, come sta accadendo in questi ultimi decenni, i batteri (che, a basse temperature, non riescono ad attaccare la copertura di carbonio) crescono più velocemente e aggrediscono la protezione delle diatomee, rimandando nell'atmosfera il carbonio digerito. In questo modo il sistema diatomee-batteri non blocca più l'eccesso di CO2 che l'uomo produce, e il gas ritorna nell'atmosfera aumentando ancora di più l'effetto serra; che a sua volta aumenta la temperatura anche nelle zone polari, dove vivono le diatomee. Una specie di circolo vizioso senza fine che corre il rischio di aumentare a dismisura il riscaldamento globale.

(Notizia aggiornata al 10 dicembre 2002)

9 dicembre 2002
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cent'anni fa, la scoperta del secolo: la tomba di Tutankhamon – l'unica ritrovata intatta nella Valle dei Re - svelò i suoi tesori riempendo di meraviglia gli occhi di Howard Carter prima, del mondo intero poi. Alle sepolture più spettacolari di ogni epoca è dedicato il primo piano di Focus Storia. E ancora: la guerra di Rachel Carson, la scienziata-scrittrice pioniera dell'ambientalismo; i ragazzi italiani assoldati nella Legione Straniera e mandati a morire in Indocina; Luigi Ferri, uno dei pochi bambini sopravvissuti ad Auschwitz, dopo lunghi anni di silenzio, si racconta.

ABBONATI A 29,90€

L'amore ha una scadenza? La scienza indaga: l’innamoramento può proseguire per tre anni. Ma la fase successiva (se ci si arriva) può continuare anche tutta la vita. E l'AI può dirci quanto. E ancora, Covid: siamo nel passaggio dalla fase di pandemia a quella endemica; le storie geologiche delle nostre spiagge; i nuovi progetti per proteggere le aree marine; tutti i numeri dei ghiacciai del mondo che stanno fondendo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us