Ecologia

L'Australia delude, modesto il target di riduzione delle emissioni di Co2

ridurrà le emissioni di carbonio dal 26 al 28% al 2030, rispetto ai livelli del 2005

Sydney, 12 ago. - (AdnKronos/dpa) - Un obiettivo, per la riduzione delle emissioni di Co2 al 2030, decisamente modesto rispetto alla maggior parte delle altre economie avanzate. Ad annunciarlo, il primo ministro Tony Abbott: entro il 2030 l'Australia ridurrà le emissioni di carbonio dal 26 al 28% rispetto ai livelli del 2005.

Insomma, l'Australia fa peggio dell'Europa, ma meglio di Giappone, Corea e Cina, come ha evidenziato lo stesso Abbott che ha parlato di "un target solido, economicamente responsabile ed ecologicamente sostenibile".

Eppure, l'obiettivo del governo australiano post-2020 è ben al di sotto di quanto, secondo la maggior parte degli esperti in materia di clima, sarebbe necessario fare per limitare il riscaldamento globale entro i 2°C al di sopra dei livelli pre-industriali.

Un obiettivo, quello australiano, che contrasta con quanto richiesto sia dall'Autorità del Governo per i Cambiamenti Climatici (che aveva raccomandato entro il 2030 un taglio dal 40 al 60% rispetto ai livelli del 2000) sia dal Climate Institute (-45% rispetto ai livelli del 2005 entro il 2025).

Per fare qualche paragone con altri target di riduzione, basta pensare che l'Unione europea punta a una riduzione di 40% delle emissioni, rispetto ai livelli del 1990, entro il 2030; gli Stati Uniti hanno fissato un obiettivo tra il 26 e il 28% rispetto ai livelli del 2005, entro il 2025; la Cina punta a ridurre le emissioni per unità di prodotto interno lordo dal 60 al 65% rispetto ai livelli del 2005, entro il 2030; il Giappone ha fissato un obiettivo del 25% rispetto ai livelli del 2005 entro il 2030; il Canada, -30% entro il 2030.

Secondo il Climate Institute, l'Australia è responsabile per l'1,4% delle emissioni globali, ma ha la più alta percentuale di emissioni pro capite nei Paesi Ocse, principalmente a causa della dipendenza energetica del Paese dal carbone.

12 agosto 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Settant’anni fa agli italiani arrivò un regalo inaspettato: la televisione. Quell’apparecchio – che pochi potevano comprare e quindi si vedeva tutti insieme – portò con sè altri doni: una lingua in comune, l’intrattenimento garantito, le informazioni da tutto il mondo. Una vera rivoluzione culturale e sociale di cui la Rai fu indiscussa protagonista. E ancora: i primi passi della Nato; i gemelli nel mito e nella società; la vita travagliata, e la morte misteriosa, di Andrea Palladio; quando, come e perché è nato il razzismo; la routine di bellezza delle antiche romane.

ABBONATI A 29,90€

I gemelli digitali della Terra serviranno a simularne il futuro indicando gli interventi più adatti per prevenirne i rischi ambientali. E ancora, le due facce dell’aggressività nella storia dell’evoluzione umana; com’è la vita di una persona che soffre di balbuzie; tutti gli strumenti che usiamo per ascoltare le invisibili onde gravitazionali che vengono dall’alba dell’universo; le pillole intelligenti" che dispensano farmaci e monitorano la salute del corpo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us