Ecologia

L'allarme del ministro Galletti: "I cambiamenti climatici sono in atto e infieriscono sull'Italia più che altrove"

Roma, 29 lug. - (AdnKronos) - Il cambiamento climatico è in atto e sta infierendo "sull'Italia più che altrove". E' l'allarme lanciato dal ministro dell'Ambiente Gian Luca Galletti che, presentando oggi i dati ambientali dell'Ispra, ha ammesso di essere stato sorpreso in particolare dal dato che riguarda l'anomalia delle temperature che in Italia ha fatto riscontrare un aumento significativamente superiore alla media delle terre emerse con un +1,57° rispetto a una media di incremento di 0,89°.

Quello del 2014 è stato il dato più alto dal 1961 "e credo che il 2015 potrebbe superare questo record", sottolinea Galletti ricordando che il 2014 è stato anche un anno di alluvioni e frane con vittime e feriti, da nord a sud del Paese, "in una triste democrazia del dissesto che in Italia non risparmia quasi nessuno". E se ad aggravare la situazione c'è sicuramente l'intervento umano, dall'abusivismo all'urbanizzazione, "alla base della impennata dei danni da dissesto idrogeologico, c'è l’incremento esponenziale degli eventi estremi".

Insomma, l’Italia deve imparare a fare i conti con un andamento climatico profondamente cambiato "e che continuerà a cambiare, in peggio probabilmente, nei prossimi decenni", aggiunge Galletti.

E’ dunque una grande emergenza quella del dissesto, resa ancora più drammatica dall’effetto dei cambiamenti climatici. "Abbiamo recuperato opere bloccate per oltre un miliardo e 200 milioni di euro e abbiamo avviato i lavori più urgenti - ricorda il ministro dell'Ambiente - Abbiamo varato un programma da 7 miliardi in 7 anni per affrontare le principali criticità".

"Assegneremo a breve un primo stralcio di questi finanziamenti per le aree urbane più a rischio per 600 milioni e sigleremo nuovi accordi di programma per ulteriori 600 milioni", conclude Galletti.

29 luglio 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us