Ecologia

L'abbigliamento da montagna è molto tossico

La scoperta fatta da Greenpeace Germania

di
Montagne incontaminate, acqua pura, paesaggi sconfinati. Ma la realtà dell’abbigliamento tecnico da montagna è ben diverso. Una ricerca commissionata da Greenpeace Germania svela che il guardaroba dei più importanti marchi sul mercato è altamente tossico.

"La Germania è il primo mercato europeo per questa tipologia di capi d’abbigliamento"

Tossici

molte delle aziende del settore utilizzerebbero materiali altamente tossici

Roba grossa - Tra i capi presi in esame, infatti, troviamo giacconi della North Face, Patagonia, Jack Wolfskin e Fjällräven. Per tutti, i risultati sono stati piuttosto simili, se non identici. Tutti i capi contengono PFOA (Acido Perfluoroottanoico), un componente chimico utilizzato per rendere idrorepellenti le superfici dei giacconi. Peccato che questo prodotto sia tossico e cancerogeno. I giacconi da bambino della Seven Summit contengono invece il più alto livello di composti perfluorurati, tensioattivi tessili estremamente dannosi per gli organismi acquatici e con proprietà estrogeniche. Ftalati, sostanze chimiche che alterano il sistema endocrino, sono state trovati in gran quantità in un poncho da bimbo prodotto dalla Northland.

L’appello di Greenpeace - L’organizzazione ambientalista teutonica, dopo aver reso noti questi risultati, invita l’industria dell’abbigliamento tecnico a rivedere la politica di utilizzo di queste sostanze tossiche. «Le società che producono capi per la montagna pubblicizzano i loro prodotti utilizzando immagini di natura incontaminata. Ma la verità - afferma Manfred Santen di Greenpeace Germania - è che le sostanze tossiche utilizzate nella produzione dei loro capi d’abbigliamento inquinano l’ambiente, le acque e, alla fin fine, anche l’uomo». (sp)

I migliori gadget per il golfista hi-tech

5 novembre 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us