Ecologia

Italia regina dello spreco di risorse ecologiche

Il rapporto del Global Footprint Network

di
L'impronta ecologica del nostro paese è tra le più alte nella regione del Mediterraneo ed è cresciuta esponenzialmente negli ultimi 50 anni. Se tutti vivessimo così servirebbero quattro pianeti.

"Dal 1961 al 2008 il deficit ecologico dell'Italia è cresciuto del 230%"

Siamo in rosso -

impronta ecologica delle società moderne

Numeri terribili - Il nostro paese, per la precisione, considerando questi 47 anni, ha aumentato il suo debito ecologico del 230%. Con un ulteriore crescita incredibile dal 2008 a oggi: +150%. Tra i paesi del Mediterraneo peggio dell'Italia fa solo la Francia, con il 21% del debito ecologico totale. L'Italia è al 18% e la Spagna al 14%. Le tre maggiori economie che si affacciano sul Mediterraneo, quindi, ne stanno letteralmente prosciugando le risorse: aria, cibo, energia, rifiuti, in tutti questi settori siamo oltre il limite consentito dalla natura.

Oltre il PIL - Secondo il WWF la colpa degli sprechi è di un'errata visione dello sviluppo, basata essenzialmente su un solo fattore: il PIL, cioè il prodotto interno lordo. Che è un fattore buono per misurare la crescita economica ma che, purtroppo, non considera per nulla le ricadute ambientali dell'economia stessa. Si può far crescere a dismisura l'economia - e quindi anche il PIL - ma vivere peggio: cosa ce ne facciamo di mille euro in più nello stipendio se poi le città in cui viviamo sono martoriate da traffico e smog? Cosa ce ne facciamo di un'auto più grande e lussuosa se poi non abbiamo il carburante per farla circolare? A cosa serve cambiare beni di consumo a ritmo forsennato se poi siamo sommersi dalla spazzatura? Tutto questo rientra nel nostro debito ecologico, che è ormai troppo elevato per essere ignorato. (sp)

Cinque buoni propositi all'insegna dell'ambiente

9 ottobre 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us