Ecologia

Italia regina dello spreco di risorse ecologiche

Il rapporto del Global Footprint Network

di
L'impronta ecologica del nostro paese è tra le più alte nella regione del Mediterraneo ed è cresciuta esponenzialmente negli ultimi 50 anni. Se tutti vivessimo così servirebbero quattro pianeti.

"Dal 1961 al 2008 il deficit ecologico dell'Italia è cresciuto del 230%"

Siamo in rosso -

impronta ecologica delle società moderne

Numeri terribili - Il nostro paese, per la precisione, considerando questi 47 anni, ha aumentato il suo debito ecologico del 230%. Con un ulteriore crescita incredibile dal 2008 a oggi: +150%. Tra i paesi del Mediterraneo peggio dell'Italia fa solo la Francia, con il 21% del debito ecologico totale. L'Italia è al 18% e la Spagna al 14%. Le tre maggiori economie che si affacciano sul Mediterraneo, quindi, ne stanno letteralmente prosciugando le risorse: aria, cibo, energia, rifiuti, in tutti questi settori siamo oltre il limite consentito dalla natura.

Oltre il PIL - Secondo il WWF la colpa degli sprechi è di un'errata visione dello sviluppo, basata essenzialmente su un solo fattore: il PIL, cioè il prodotto interno lordo. Che è un fattore buono per misurare la crescita economica ma che, purtroppo, non considera per nulla le ricadute ambientali dell'economia stessa. Si può far crescere a dismisura l'economia - e quindi anche il PIL - ma vivere peggio: cosa ce ne facciamo di mille euro in più nello stipendio se poi le città in cui viviamo sono martoriate da traffico e smog? Cosa ce ne facciamo di un'auto più grande e lussuosa se poi non abbiamo il carburante per farla circolare? A cosa serve cambiare beni di consumo a ritmo forsennato se poi siamo sommersi dalla spazzatura? Tutto questo rientra nel nostro debito ecologico, che è ormai troppo elevato per essere ignorato. (sp)

Cinque buoni propositi all'insegna dell'ambiente

9 ottobre 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us