Ecologia

Italia popolo di 'Neet', primi in Ue per giovani che non lavorano né studiano

Il nostro Paese in cima alla classifica per presenza e aumento del fenomeno negli ultimi 10 anni

Roma, 11 ago. - (AdnKronos) - Non lavorano, non studiano né partecipano a percorsi formativi: sono i cosiddetti Neet, acronimo di "Not (engaged) in education, employment or training", insomma: giovani che non fanno nulla. Troppi, quelli nella fascia d'età compresa tra i 20 e i 24 anni, in Italia, secondo quanto rilevato dalla ricerca Eurostat "Education, employment, both or neither? What are young people doing in the Eu?" pubblicata oggi in vista della Giornata internazionale della Gioventù del 12 agosto.

Secondo lo studio, infatti, la quota maggiore di Neet europei si registra proprio in Italia (31,1%), che in questo batte anche Grecia (26,1%), Croazia (24,2%), Romania (24,1%), Bulgaria (24,0%), Spagna e Cipro (entrambi 22,2%). La percentuale più bassa di Neet, invece, si ha nei Paesi Bassi (7,2%), Lussemburgo (8,8%), Danimarca, Germania e Svezia (9,3%), Malta e Austria (9,8%), Repubblica Ceca (10,8%).

A livello Ue, sono quasi 5 milioni i giovani tra i 20 e i 24 anni (pari al 17,3%) che nel 2015 non hanno né lavorato, né studiato, né si sono formati.

Anche se, in Europa, la percentuale di giovani tra i 20 e i 24 anni né occupati né impegnati in percorsi di formazione tra il 2006 e il 2015 è rimasta sostanzialmente stabile nel suo complesso, importanti cambiamenti sono avvenuti negli ultimi 10 anni. E anche in questo l'Italia non ci fa una bella figura. In 10 Paesi, il tasso di Neet è diminuito: le riduzioni più significative si sono registrate in Germania (passata dal 15,2% del 2006 al 9,3% nel 2015), ma anche in Bulgaria, Svezia, Repubblica Ceca e Polonia.

La situazione si è invece 'deteriorata', sottolinea lo studio, soprattutto in Italia dove la percentuale di giovani Neet è passata dal 21,6% al 31,1%, in Grecia e in Spagna (che fanno male quasi quanto noi). Neet in aumento, anche se con percentuali minori, anche in Irlanda, Croazia, Romania, Portogallo, Regno Unito, Danimarca e Finlandia.

11 agosto 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us