Ecologia

Italia al palo su auto elettriche. Mancano incentivi, rete di ricarica e politiche unitarie

Lontana dal 27% di Norvegia, mancano incentivi, rete ricarica, politiche unitarie

Roma, 29 lug. (AdnKronos) - Auto elettrica, il futuro è tracciato ma l’Italia resta indietro. E mentre in Norvegia le vendite di questi veicoli rappresentano già il 27% del totale (e come se non bastasse il governo norvegese si pone l’ambizioso obiettivo di raggiungere le 50.000 unità per la fine del 2018), in Olanda il 9,9% e in Svezia il 2,7%, l’Italia si ferma allo 0,14% piazzandosi all’ultimo posto della classifica, dopo Francia (1,7%), Inghilterra (1,3%), Austria (1,7%), Germania (0,8%) e Spagna (0,3%).

I dati, aggiornati al primo trimestre del 2016 da Cei-Cives, mostrano un divario importante dovuto ai tanti fattori che concorrono alle scelte del consumatore: prestazioni dei veicoli, scarsa informazione, presenza o meno di incentivazioni economiche, indirizzo politico.

“Negli altri Paesi sono state fatte scelte politiche precise che non riguardano solo la rete di ricarica, ma anche gli incentivi all’acquisto, anche di 5mila euro a vettura, grazie ai quali è stato superato l’ostacolo del costo elevato”, spiega all’Adnkronos Pietro Menga, presidente Cives, la Commissione italiana veicoli elettrici stradali, a batteria, ibridi e a celle combustibili.

In Italia, invece, “oggi non ci sono incentivi per l’acquisto di un’auto elettrica, ma solo l’azzeramento del bollo per 5 anni, o a vita in alcune regioni. Basterebbe incrementare il bollo delle auto di un euro per riuscire a destinare un incentivo sufficiente per 10mila auto elettriche l’anno”, aggiunge Menga.

A questo poi si aggiungono le reti di ricarica. Sempre secondo la classifica Cei-Cives, se in Olanda esistono 21mila punti di ricarica accessibili al pubblico, 12.500 in Francia, 11mila in Gran Bretagna, 7.500 in Norvegia, in Italia se ne contano circa 2.750. “Sebbene metà delle famiglie italiane abbiano un box o un garage, non hanno però la potenza elettrica sufficiente per ricaricare l’auto e sono per lo più collegati alla rete condominiale”.

Altro ostacolo da superare, dunque. Come? “Serve una politica di sostegno economico per adeguarci a questa esigenza. In Italia sono previsti crediti d’imposta per altri tipi di intervento, ma non per l’adeguamento impiantistico per la ricarica domestica”, spiega il presidente Cives.

Terzo ostacolo: la frammentazione delle politiche di mobilità nelle città. Così mentre negli altri Paesi chi guida un’auto elettrica gode di tutta una serie di ulteriori incentivi ‘motivazionali’, dalla sosta gratuita all’accesso libero alle ztl, dalla liberalizzazione dell’orario di carico e scarico all’esenzione dai pedaggi autostradali, in Italia restano delle iniziative singole legate a poche città virtuose. “Su questo serve una cabina di regia – sottolinea Menga - perché queste politiche sono trasversali e coinvolgono Stato, Regioni e Comuni”.

Insomma, un cambio di rotta è necessario e urgente, perché gli obiettivi climatici Ue e i limiti alle emissioni medie di Co2 delle nuove automobili (95 g/km nel 2021) richiederebbero che almeno un decimo dei veicoli venduti in Italia alla fine del decennio fosse elettrico: 100mila auto elettriche l’anno. Invece siamo a 2.550 circa tra elettrico e ibrido.

29 luglio 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us