Ecologia

Isole Marshall: radioattività residua dopo 60 anni

Gli effetti dei test nucleari nel Pacifico negli anni '40 e '50 sono ancora visibili nei sedimenti oceanici e nell'acqua di falda: ecco quanto a lungo si trascinano i danni dell'atomica.

La quantità di cesio e plutonio radioattivi nelle lagune delle Isole Marshall, teatro di 66 test nucleari statunitensi tra il 1946 e il 1958, è in progressivo declino dagli anni '70. Tuttavia, questi elementi continuano a contaminare i sedimenti oceanici e l'acqua di falda, con un livello di radioattività che - a oltre 60 anni dalla fine dell'operazione - rimane 100 volte più alto che nelle acque circostanti.

Quella che più che una scoperta è una conferma arriva dagli scienziati della Woods Hole Oceanographic Institution (WHOI) in Massachusetts, che hanno analizzato l'acqua delle lagune di vari siti considerati a rischio contaminazione, e campionato sedimenti oceanici e acqua di falda prelevata da cisterne, pozzi e spiagge.

Test nucleari nell'Atollo Bikini, nelle Isole Marshall, durante l'operazione "Castle Bravo". E se una bomba H esplodesse nel Pacifico? © United States Department of Defense

Ancora impregnate. Per la prima volta i ricercatori hanno misurato gli isotopi del radio, un tracciante naturale, per capire in che quantità l'acqua di falda si riversasse nell'oceano, e se lo stesse inquinando di scorie radioattive. I livelli di plutonio nelle lagune interessate sono risultati 100 volte più alti della norma, e quelli di una forma radioattiva del cesio, due volte più alti.

In generale l'acqua di falda si è rivelata una scarsa fonte di residui radioattivi; in alcuni siti più contaminati, sono piuttosto i sedimenti oceanici a liberare materiale pericoloso. Metà del plutonio trovato nella laguna dell'isola di Runit, sulla quale si trova un "cimitero nucleare" in cemento che nasconde 73 mila metri cubi di suolo radioattivo, proviene dai sedimenti oceanici, corallini e dunque particolarmente porosi.

Controlli come questi, spiegano i ricercatori, andranno ripetuti regolarmente, e a maggior ragione con l'innalzamento del livello dei mari. Nel frattempo,converrebbe non ricadere nello stesso errore.

6 novembre 2017 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Scipione e Annibale, Mario e Silla, Demostene e Filippo II di Macedonia... I giganti della Storia che hanno passato la loro vita a combattersi, sui campi di battaglia e non solo. E ancora: l'omicidio di Ruggero Pascoli, il padre del famoso poeta, rimasto impunito; il giro del mondo di Magellano e di chi tornò per raccontarlo; la rivoluzione scientifica e sociale della pillola anticoncezionale; nelle prigioni italiane dell'Ottocento; come, e perché, l'Inghilterra iniziò a colonizzare l'Irlanda.

 

ABBONATI A 29,90€

Tigri, orsi, bisonti, leopardi delle nevi e non solo: il ricco ed esclusivo dossier di Focus, realizzato in collaborazione con il Wwf, racconta casi emblematici di animali da salvare. E ancora: come la plastica sta entrando anche nel nostro organismo; che cos’è l’entanglement quantistico; come sfruttare i giacimenti di rifiuti elettronici; i progetti più innovativi per poter catturare l’anidride carbonica presente nell’atmosfera.

ABBONATI A 31,90€
Follow us