Ecologia

Inquinanti e campi elettromagnetici, un sensore per misurare l'inquinamento indoor

dall'inquinamento elettromagnetico alle polveri sottili, al via crowdfunding tra investitori

Trento, 7 giu. - (AdnKronos) - Polveri sottili, emissioni elettromagnetiche, inquinanti derivati da vernici e materiali minacciano il benessere domestico e degli ambienti chiusi in cui trascorriamo l’80% del tempo, tra casa, scuola e ufficio. Per conoscere le condizioni ambientali e la salubrità di questi luoghi è nata UpSens, una start up innovativa con sede legale ed operativa a Trento, che ha ideato una linea di sensori intelligenti per monitorare i parametri ambientali e rilevare la presenza di sostanze contaminanti.

Non uno strumento per addetti ai lavori ma un dispositivo elettronico per i comuni cittadini, UpSens è in fase di industrializzazione e sarà sul mercato da inizio 2017 a partire da "Air" che monitora la qualità dell’aria indoor, e Wave che rileva i campi elettromagnetici. Successivamente arriveranno anche altri apparecchi per misurare le proprietà organolettiche di cibi e bevande, il livello di radiazioni o le polveri sottili.

I dati rilevati dai sensori vengono condivisi e messi a disposizione in modo da avere un quadro della qualità dei parametri misurati anche a livello di zona e di quartiere.

"Al momento stiamo cercando partner per ottimizzare la fase d’industrializzazione e marketing. Per fare questo abbiamo lanciato un’iniziativa di equity crowdfunding - spiega Alfredo Maglione, presidente di UpSens - Si tratta di una raccolta fondi da parte di investitori, attraverso un sito web". La raccolta quote è stata lanciata sul portale www.starsup.it.

Perché è importante monitorare l'inquinamento indoor? Secondo l’Oms, l’Organizzazione Mondiale della Sanità, ogni anno 4 milioni di persone muoiono prematuramente in tutto il mondo per inquinamento indoor. Il 50% delle malattie polmonari dei bambini sono causate dal particolato che si accumula tra le pareti di casa e scuola.

I dati sull’elettromagnetismo non sono ancora scientificamente accurati, ma gli studi più recenti dell’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (Iarc) hanno classificato i campi elettromagnetici a radiofrequenza come “possibilmente cancerogeni per l’uomo”, allocandoli così nel Gruppo 2B del sistema di classificazione della Iarc, ovvero non esiste una correlazione diretta, ma c’è una certa possibilità che influenzino l’insorgere del cancro.

7 giugno 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Chi erano i gladiatori? Davvero lottavano sempre all’ultimo sangue? Con quali armi e tecniche combattevano? Perché gli imperatori investivano una fortuna sui loro spettacoli di morte? Entriamo negli anfiteatri della Roma imperiale per conoscere da vicino gli atleti più famosi dell’antichità. E ancora: come la moda del Novecento ha ridato la libertà alle donne; alla scoperta di Monte Verità, la colonia sul lago Maggiore paradiso di vegani e nudisti; i conflitti scoppiati per i motivi più stupidi; la guerra al vaccino antivaiolo dei primi no vax; le Repubbliche Sorelle.

ABBONATI A 29,90€
Focus e il WWF festeggiano insieme il compleanno: Focus è in edicola da 30 anni e il WWF si batte da 60 per la difesa della natura e degli ecosistemi. Insieme al WWF, Focus è andato nelle riserve naturali e nei luoghi selvatici del mondo per scoprire come lavorano i loro ricercatori e volontari per aiutare la Terra e i suoi abitanti. Inoltre: perché i cicloni sono sempre più violenti; perché la miopia sta diventando un'emergenza globale; come sarebbero gli alieni (se esistessero).
ABBONATI A 29,90€
Follow us