Ecologia

L'aria inquinata fa (molti) morti nel mondo, e anche in Italia

Traffico e inquinamento dell'aria: in Italia si muore più che in India.

L'inquinamento dell'aria da ozono e polveri, effetto diretto della combustione di idrocarburi e del trasporto su strada, ha causato nel mondo 5,5 milioni di morti nel 2013: è quanto emerge dal report presentato all'annuale convegno della American Association for the Advancement of Science, che mette in rilievo come l'inquinamento atmosferico sia ormai il quarto più alto fattore di rischio di morte nel mondo, contribuendo a malattie cardiache, ictus, cancro ai polmoni, bronchiti e altre patologie.

inquinamento dell'aria
Clicca sull'immagine per ingrandirla.

Oltre il 50% dei decessi si registra nei due Paesi più popolosi al mondo, Cina (1,6 milioni) e India (1,4 milioni), ma ci sono dati allarmanti per la "verde e sensibile Europa". Il più recente rapporto dell'OECD (The Cost of Air Pollution, OECD Library 2014) mette infatti in evidenza che, in percentuale, la mortalità in Ungheria (per esempio) è paragonabile a quella della Cina, e lo stesso vale per Grecia e Slovacchia. Nella triste classifica dei primi 12 Paesi per decessi associati all'inquinamento dell'aria, 8 sono membri dell'Unione Europea, con l'Italia al settimo posto e la Germania al decimo.

Morti di casa nostra. Il dato italiano è di 568,6 decessi per milione di abitanti, di poco superiore a quello dell'India, e questo nonostante la crisi economica (col minor consumo di carburanti e quindi con emissioni in flessione) e il prezzo elevato dei carburanti. Benché le questioni ambientali siano ormai temi di discussione comune e quotidiana, sembra (interpretando i risultati della ricerca) che scarseggino risorse e possibilità per l'efficienza e il rinnovo del parco macchine e per lo sviluppo di stretegie alternative.

Vedi anche

10 maggio 2016 Raymond Zreick
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us