Ecologia

Innovazione, Italia bocciata dai manager nostrani ma promossa all'estero

E' quanto emerge da una ricerca di General Electric che vede il Belpaese promosso dal 41% dei dirigenti stranieri contro un 27% di voti positivi dei colleghi italiani. I dirigenti del Belpaese denunciano investimenti insufficienti, mancato supporto del governo e troppa burocrazia

Roma, 7 nov. - (AdnKronos) - Scarsi investimenti, mancato supporto del governo e burocrazia frenano l'innovazione in Italia, trainata solo dalle realtà più piccole come Pmi e nuove aziende. Questa la percezione dei manager italiani coinvolti nella gestione della strategia di innovazione e fotografata nella ricerca di General Electric 'GE Innovation Barometer' - condotta su 26 Paesi di tutto il mondo e con un focus specifico sullo Stivale - presentata oggi a Roma. Una percezione più 'severa' di quella registrata dai dirigenti stranieri sul Belpaese. Mentre solo il 27% dei nostri dirigenti promuove il Paese in tema di innovazione, l'Italia passa l'esame per il 41% dei manager stranieri.

Il nemico numero uno dell'innovazione indicato dai dirigenti italiani è rappresentato dalla mancanza di sufficienti investimenti e sostegno finanziario (41%), seguito dall’incapacità di estendere le innovazioni di successo al mercato più ampio o internazionale e dalla difficoltà di definire un modello di business efficace per promuovere le nuove idee. Altri nodi gordiani sono rappresentati dalla necessità di semplificare la burocrazia a favore delle aziende intenzionate ad accedere a finanziamenti e incentivi stanziati per l'innovazione (89%) e di garantire che la riservatezza e i segreti commerciali delle aziende siano adeguatamente tutelati (89%). Il supporto finanziario delle autorità pubbliche alle società innovative è percepito come insufficiente rispetto alla media globale (47%); solo il 9% ritiene che le autorità pubbliche e il governo stanzino una quota adeguata del proprio budget a supporto alle aziende innovative.

Quasi due terzi dei nostri manager (60%) ritengono che siano le realtà più piccole quali le Pmi e le nuove aziende a trainare l'innovazione in Italia – 19 punti in più rispetto alla media globale (41%) – seguite dalle multinazionali (15%). Ma il 92% denuncia un supporto insufficiente proprio alle Pmi, dato decisamente superiore rispetto alla media globale del 61%. Solo il 9% dei nostri manager ritiene che il governo stia supportando in modo efficiente i processi di innovazione. Una percentuale inferiore alla media mondiale, pari al 40%, sotto la quale si posizionano anche i maggiori Paesi industrializzati: Germania (34%), Giappone (23%), Usa (26%).

Più fiduciosi dei colleghi stranieri invece gli italiani lo sono sulle potenzialità derivanti dall’uso dei Big Data (61% contro il 53% della media globale). Sono anche più informati sulle potenzialità dell'Industrial internet: il 57% ritiene che l’internet industriale avrà un impatto positivo sul mercato del lavoro, dato superiore rispetto alla media globale (49%) e solo il 37% dei dirigenti in Italia afferma di non averne mai sentito parlare, dato inferiore rispetto a una media globale del 44%. Il 30% dei manager italiani ritiene che la propria impresa sia preparata a cogliere le potenzialità dei Big Data, una percentuale superiore alla media mondiale del 25%.

Tuttavia, il 25% dei dirigenti nostrani afferma di non aver aumentato, nell'ultimo anno, la propria capacità di analisi di una complessa mole di dati (contro il 29% della media mondiale).

7 novembre 2014 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us