Ecologia

A fuoco la foresta in Indonesia: il cielo si tinge di rosso

L'annuale pratica del "taglia e brucia" usata per far posto alle piantagioni di palme da olio ha creato la peggiore emergenza incendi da quattro anni a questa parte: quasi un milione di persone ha accusato problemi respiratori, mentre le fiamme minacciano alcune specie animali a rischio.

L'aria sopra la parte centrale dell'isola di Sumatra e sul Borneo indonesiano (Kalimantan) si è fatta irrespirabile per le dense colonne di fumo che si elevano dai quasi 2000 roghi al momento attivi in Indonesia. La tradizionale pratica che prevede di disboscare parti della foresta e poi bruciare il legname per ricavare terreno agricolo durante la stagione secca ha causato incendi ingovernabili, che hanno avvolto parti protette di giungla abitate da specie a rischio, e distrutto già oltre 800 mila ettari di aree verdi.

Questa tecnica è illegale, ma sempre più spesso utilizzata per fare spazio a nuove piantagioni di palme da olio e distese di legname da cui ricavare polpa di cellulosa per la carta. In base a quanto denunciato da Greenpeace, i responsabili sono i soliti noti, tuttavia nessuna delle dieci aziende di olio di palma con le maggiori aree di terreno in fiamme ha subito sanzioni negli ultimi anni, né tanto meno il ritiro della licenza.

Indonesia: le foreste vanno a fuoco
La qualità dell'aria nelle zone interessate dagli incendi è simile a quella che si respirerebbe fumando 50 sigarette per volta: gli effetti sono deleteri per l'uomo, ma anche per gli oranghi. Vedi anche: I cosmetici uccidono gli oranghi? © Willy Kurniawan/Reuters

Senza fiato. Dopo le piogge di mercoledì 25 settembre, i roghi visibili dall'alto risultavano circa 1800. Due giorni prima, erano 3300. Nonostante il fenomeno si ripeta ogni anno e sia ormai altamente prevedibile, il Paese non è preparato a farvi fronte. Spesso gli incendi divampano da aree remote difficilmente raggiungibili, dove vivono gli ultimi esemplari rimasti di tre specie di oranghi. Ma i disagi si fanno sentire anche nelle aree abitate, dove il cielo si è tinto di rosso per gli effetti di rifrazione dei raggi solari sulle minuscole particelle di cenere, e dove 920 mila persone hanno accusato difficoltà respiratorie.

Alcune organizzazioni stanno fornendo ossigeno a domicilio alle persone che non si trovano nelle condizioni per evacuare e cercare assistenza. Una situazione di una tale gravità non si osservava dal 2015, e in molti hanno paragonato la perdita di questa foresta alla drammatica situazione dell'Amazzonia.

27 settembre 2019 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Chi erano i gladiatori? Davvero lottavano sempre all’ultimo sangue? Con quali armi e tecniche combattevano? Perché gli imperatori investivano una fortuna sui loro spettacoli di morte? Entriamo negli anfiteatri della Roma imperiale per conoscere da vicino gli atleti più famosi dell’antichità. E ancora: come la moda del Novecento ha ridato la libertà alle donne; alla scoperta di Monte Verità, la colonia sul lago Maggiore paradiso di vegani e nudisti; i conflitti scoppiati per i motivi più stupidi; la guerra al vaccino antivaiolo dei primi no vax; le Repubbliche Sorelle.

ABBONATI A 29,90€
Focus e il WWF festeggiano insieme il compleanno: Focus è in edicola da 30 anni e il WWF si batte da 60 per la difesa della natura e degli ecosistemi. Insieme al WWF, Focus è andato nelle riserve naturali e nei luoghi selvatici del mondo per scoprire come lavorano i loro ricercatori e volontari per aiutare la Terra e i suoi abitanti. Inoltre: perché i cicloni sono sempre più violenti; perché la miopia sta diventando un'emergenza globale; come sarebbero gli alieni (se esistessero).
ABBONATI A 29,90€
Follow us