Ecologia

In marcia per il clima. Domenica a Roma "Una terra. Una famiglia umana"

Enciclica, Laudato Si' Una Terra. Una famiglia umana

Roma, 26 giu. - (AdnKronos) - I membri della comunità cattolica, protestante ed ebraica, i giovani legati alla Moschea di Roma e l'Unione Buddista, gruppi della società civile, organizzazioni ambientaliste e di agricoltori, sindacati e studenti. Tutti insieme, per la prima volta, marceranno insieme domenica 28 giugno per ringraziare Papa Francesco per la sua enciclica Laudato Si' e chiedere a cittadini e governi di trasformare i suoi contenuti in azioni concrete in vista della Cop 21 di Parigi.

Attese più di 5mila persone a piazza Farnese, a Roma, da dove partirà la marcia "Una terra. Una famiglia umana" (guarda il video) alla volta di piazza San Pietro per l'Angelus del Santo Padre. Organizzata da Focsiv - Volontari nel mondo su proposta della campagna inter religiosa contro i cambiamenti climatici OurVoices, un progetto Greenfaith e Conservation Foundation, alla Marcia partecipano Greenpeace, Wwf e Legambiente.

"Il dialogo interreligioso sui temi ambientali esiste già da tempo, ma condividiamo la posizione di Papa Francesco: al centro della questione climatica c'è un problema etico - dichiara Giuseppe Onufrio, direttore esecutivo di Greenpeace Italia - L'enciclica parla, a differenza dei rapporti dell'Onu, al cuore di miliardi di persone. Un grande salto di qualità. Il mondo ha due opzioni: non fare nulla e lasciare che i cambiamenti climatici colpiscano in maniera sempre più dura soprattutto i soggetti più deboli, inasprendo conflitti ed emigrazione. Oppure, fare qualcosa perché le soluzioni ci sono già e sono a portata di mano. Per questo porteremo alla marcia lo striscione '100% rinnovabili'"

Per Maria Grazia Midulla, responsabile energia e clima del Wwf Italia, "l'enciclica di Papa Francesco stimola al dialogo e all'incontro tra culture diverse, sulla base di valori comuni, ma non è un'enciclica puramente morale ma chiama all'azione, tutti e nella vita quotidiana. Per questo - continua Midulla - dobbiamo agire collettivamente, partendo ognuno da se stesso".

L'enciclica di Papa Francesco "ci ha colpiti per la capacità di parlare a tutti ma anche e soprattutto perché sottolinea l'interdipendenza tra questioni ambientali e sociali e parla dei cambiamenti climatici come di una questione centrale per salvare l'umanità - spiega Katiuscia Eroe dell'ufficio energia e clima di Legambiente - E tocca una questione importante: la scelta politica e la richiesta di azioni coraggiose. Noi chiediamo al premier Renzi di avere questa 'coraggiosa generosità' e di fare scelte lungimiranti per tutti noi".

A piazza Farnese i partecipanti saranno accolti dall'Orchestra di Piazza Vittorio; in testa ci saranno molti leader e rappresentanti di associazioni e confessioni religiose che reggeranno lo striscione "Climate Action Now".

La Marcia sarà anticipata e seguita dalle opere d'arte di Federica Collina, Jason Hicks, Curtis Lee Mitchell e Gan Golan. In piazza San Pietro i partecipanti innalzeranno cartelli a forma di foglie.

Dal Focsiv - Volontari nel mondo, arriva un invito: "Mi raccomando: arriviamo a piazza Farnese con i mezzi pubblici. Iniziamo da questo", dichiara Attilio Ascani, direttore di Focsiv. "Quello che abbiamo sotto i nostri occhi - sottolinea - è l'effetto del peccato contro Dio, contro le persone e contro la Casa comune che Dio ci ha messo a disposizione. Lottare per la giustizia climatica è un compito fondamentale per tutti noi".

Alle loro voci si aggiunge quella del segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-Moon che in un video messaggio inviato in occasione della presentazione della Marcia, rilancia l'invito a prendersi cura "della nostra Casa comune" e a continuare a far sentire la propria voce, sottolineando il ruolo prioritario dei giovani nel prendere consapevolezza dei cambiamenti climatici. "La Cop 21 - ricorda Ban Ki-Moon - sarà la nostra ultima chance per evitare gli impatti più negativi del surriscaldamento".

26 giugno 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us