Ecologia

In bici per il clima, tutti chiamati a pedalare per un futuro migliore

Roma non rinuncia alla Marcia globale per il clima, si parte da Campo de’ Fiori

Roma, 25 nov. - (AdnKronos) - Una grande pedalata globale per il clima in vista della Cop21 per chiedere ai leader di tutto il mondo un futuro con sempre meno petrolio. "In bici per il clima" è l'iniziativa che confluirà nella Marcia per il Clima del 29 novembre, entrambe organizzate dalla Coalizione Italiana Clima, e che, dopo i tragici fatti di Parigi, assume un ulteriore significato: sconfiggere il clima di paura.

"A Parigi sono state vietate le manifestazioni di piazza del 29 novembre e del 12 dicembre, pedaleremo e marceremo anche per loro in contemporanea con Londra, Berlino, Madrid, Amsterdam, Barcellona, San Paolo, Johannesburg, Sydney, Canberra, Kampala, Tokyo, Dhaka, Bogotà", fanno sapere gli organizzatori.

A Roma, in Bici per il Clima confluirà nella Marcia per il Clima in via dei Fori Imperiali dove alle 17.00 si terrà il concerto di chiusura della manifestazione.

In Bici per il Clima e la Marcia per il Clima sono organizzate da un amplissimo schieramento trasversale e internazionale che si mobilità per spingere la Cop21, la conferenza mondiale sul clima che si tiene a Parigi, ad approvare un accordo vincolante sui gas serra per contenere il riscaldamento globale a 1,5 gradi centigradi, per rafforzare i territori più vulnerabili del pianeta dall’innalzamento della temperatura globale e per una giustizia climatica per tutti.

"E' importante che tanti ciclisti partecipino alla marcia per far vedere che una mobilità diversa è possibile", aggiungono gli organizzatori. L'invito a partecipare è quindi rivolto a tutti: la partenza è prevista alle ore 14 da Largo Tacchi Venturi (Parco della Caffarella) e si confluirà nella Marcia per il Clima a Piazza Venezia percorrendo a pedali l'Appia Antica, la storica strada di Roma per la quale si chiede la pedonalizzazione.

25 novembre 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us