Ecologia

In arrivo la legge "salva-geologi", li salverà dal rischio estinzione

Nelle scorse settimane avevano lanciato l'allarme: i Dipartimenti di Scienze della Terra sono passati, nei quattro anni successivi all'entrata in vigore della Riforma Gelmini, da 34 a otto. Una drastica riduzione a cui potrebbe mettere fine la misura che ritocca la norma.

Roma, 13 feb. - (AdnKronos) - Avevano da poco lanciato l'allarme "estinzione" ma ora tirano un sospiro di sollievo. E' in dirittura di arrivo la "legge salva-geologi" alla Camera dei Deputati che, ritoccando la riforma Gelmini, impedirà di fatto la chiusura dei Dipartimenti di Scienze della Terra che tanto stava allarmando il mondo della geologia.

“E’ in dirittura di arrivo la legge che salverà le Scienze della Terra in Italia - annuncia soddisfatto Gian Vito Graziano, presidente del Consiglio nazionale dei geologi - la proposta, promossa fra gli altri dalle deputate Raffaella Mariani e Manuela Ghizzoni, prevede una correzione alla legge Gelmini di riforma delle Università per rilassare e rendere sostenibili alcuni vincoli numerici, che erano stati introdotti con troppa leggerezza, per la costituzione dei Dipartimenti. In questo modo si salvano finalmente i Dipartimenti di Scienze della Terra dove il geologo si forma”.

La voce del presidente Graziano si era unita, nelle scorse settimane, al coro di proteste di fronte alla drastica riduzione dei Dipartimenti di Scienze della Terra passati, nei quattro anni successivi all'entrata in vigore della Riforma Gelmini, da 34 ad 8. E oggi si unisce invece alla soddisfazione del mondo accademico e della comunità scientifica.

Secondo Domenico Calcaterra, docente dell'Università Federico II di Napoli e Consigliere nazionale dei geologi, “la sopravvivenza di un adeguato numero di dipartimenti di Scienze della Terra è un presupposto imprescindibile al fine di favorire, in tutto il Paese, la diffusione della cultura geologica e la crescita, sia qualitativa che numerica, della categoria professionale, vero baluardo a difesa del territorio nazionale”.

Per Nicola Casagli dell’Università di Firenze “questo brutale ridimensionamento della Geologia nelle Università di tutto il Paese si è paradossalmente verificato contemporaneamente all'esplosione del problema del dissesto idrogeologico. Adesso la proposta di legge pone un correttivo ad un errore del passato” .

Sullo stesso punto insiste anche Giovanni Crosta, dell'Università Milano Biccocca: “le Scienze della Terra svolgono un ruolo fondamentale nella preparazione di figure professionali indispensabili per la gestione del territorio, l'analisi dei processi naturali, lo sfruttamento delle risorse e la protezione dell'ambiente. La contrazione forzata dei dipartimenti e del personale universitario ha impattato in modo inaccettabile sulla formazione delle nuove generazioni di geologi”.

Sull'arrivo della legge "salva-geologi" interviene anche l’Associazione Italiana di Geologia Applicata ed Ambientale (Aiga) per la quale "si è compiuto un primo, importante passo verso una nuova stagione che ponga lo studio del territorio e della sua fragilità geologica, al centro dell'attenzione della comunità accademica, scientifico-tecnica nonché politica”, sottolinea Francesco Maria Guadagno, presidente nazionale Aiga e docente dell’Università del Sannio.

“La necessità di mantenere in vita Dipartimenti di Scienze della Terra – ha infine concluso Nicola Sciarra , presidente dell'Associazione Internazionale di Engineering Geology - seppur sotto-soglia, è motivo imprescindibile della tutela di gruppi di ricerca che per la loro peculiarità assicurano alla società un reale sostegno scientifico alla salvaguardia del territorio”.

13 febbraio 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us