Ecologia

Imprese verso modello low emission, Italia in linea con la media globale

L'86% ha almeno un target per ridurre emissioni gas serra, la media globale è dell’85%

Roma, 25 ott. - (AdnKronos) - Le imprese globali hanno iniziato la transizione verso un mondo a basse emissioni di carbonio: circa l’85%, infatti, ha già definito specifici target di riduzione. E quelle italiane sono in linea con la media globale: l’86% ha già almeno un target in atto per ridurre le proprie emissioni di gas serra, rispetto alla media globale dell’85% e quella europea del 92%.

Eppure, un numero significativo di aziende rischia di essere lasciato indietro per la mancanza di una pianificazione a lungo termine e per una certa inerzia. E' quanto emerge dalle analisi presentate oggi nel "Climate Change Report 2016, Italian Edition" di Cdp (Carbon Disclosure Project), la piattaforma globale no-profit per i dati ambientali.

Per la prima volta nell’analisi del campione italiano (42 società), risultano implementati i target di riduzione delle emissioni con un orizzonte temporale di medio termine, con il 37% dei target in termini di riduzioni assolute da conseguire entro il 2020-2025. Ancora carente la visione di lungo termine: solo il 7% dei target assoluti dichiarati verranno conseguiti oltre il 2030.

Inoltre, in Italia solo due imprese sulle 42 incluse nelle analisi, sono impegnate ad allinearsi con le più recenti indicazioni della ricerca scientifica sul clima in merito allo stabilimento di targets di riduzione delle emissioni basati su metodologie scientifiche, al fine di mantenere il riscaldamento globale al di sotto della soglia critica di 2˚C.

Il report italiano di Cdp viene pubblicato oggi unitamente alla prima edizione del Global Climate Tracking Series di Cdp. Il report globale "Out of the starting blocks: Tracking progress on corporate climate action", è prodotto in collaborazione con We Mean Business e presenta i dati relativi alle emissioni di carbonio e alla mitigazione del cambiamento climatico da parte di 1.089 imprese.

Queste aziende, che rappresentano alcune delle più significative a livello mondiale in termini di capitalizzazione e di impatto ambientale, corrispondono al 12% del totale delle emissioni globali di gas serra. Nel corso di cinque anni, 62 imprese sono riuscite a ridurre le loro emissioni del 10% o più, aumentando il fatturato con lo stesso margine.

Complessivamente, tra queste aziende il fatturato è cresciuto del 29% e le emissioni sono state ridotte del 26%, mentre il resto delle aziende del campione ha visto un calo del 6% del fatturato, unitamente ad un aumento del 6% delle emissioni.

Il gruppo include: Sca (società svedese di beni di consumo e prodotti a base di cellulosa, che ha ridotto le sue emissioni del 32% e incrementato il fatturato del 19%, abbassando del 42% l’intensità delle emissioni); Daimler (casa automobilistica tedesca, ha ridotto le emissioni medie della propria flotta del 5% rispetto all’anno precedente, risparmiando 2,2 milioni di tonnellate di Co2 equivalente durante la fase di utilizzo delle sue macchine); Sodexo (società francese, ha sviluppato una gamma di servizi per aiutare i suoi clienti a ridurre l'impronta di carbonio); Givaudan (società svizzera produttrice di aromi e profumi, puntando sulle rinnovabili ha ridotto di oltre il 10% le emissioni nell’ultimo anno).

“Mentre molte aziende sono già sulla buona strada, c’è ancora un grande divario da colmare - commenta Paul Simpson, Chief Executive Officer di Cdp - Con centinaia di imprese che hanno già anticipato a Cdp cambiamenti sostanziali alle loro pratiche di business per effetto dall’accordo di Parigi, ci aspettiamo di vedere nei prossimi anni un cambiamento verso target di lungo termine e definiti su base scientifica".

25 ottobre 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us