Ecologia

Il vino bio made in Italy conquista il mondo

Roma, 18 set. - (AdnKronos) - Bere bio piace sempre di più soprattutto all'estero dove i vini italiani biologici rappresentano il 7% del valore dell’intero paniere di prodotti agroalimentari organici esportati. E' quanto emerge da un'indagine curata da Nomisma e promossa dall'Ice.

Il vino made in Italy da agricoltura biologica conquista soprattutto i mercati comunitari (a cui è destinato il 59% del nostro export). Guidano Germania, Svezia e altri Paesi Scandinavi e Regno Unito. "Ma forte -sottolinea Silvia Zucconi, coordinatore agricoltura e industria alimentare Nomisma - è anche l’importanza dei mercati terzi (che pesano per il 41% per il vino a fronte del 18% per il totale paniere bio) con Giappone e Stati Uniti in primis" dove il vino biologico di importazione riscuote ampi riconoscimenti rispetto ai vini non biologici. Negli Usa, per esempio, "il prezzo medio all’import dei vini bio - rileva Zucconi - è superiore del 14% rispetto a quelli convenzionali".

Un trend che stimola la viticoltura italiana a puntare sempre di più sul biologico con gli ettari di vigna bio che continuano ad aumentare di anno in anno rispetto alle superfici dei vigneti tradizionali. Nel 2014 oltre 72mila ettari di superfici vitate (il 10,5% di quelle totali) erano biologiche, una crescita di quasi 4500 ettari rispetto all'anno precedente e più del doppio rispetto a 10 anni fa. Per un totale di circa 1.300 cantine biologiche certificate che producono circa 5 milioni di quintali di uva organica.

In vetta alle regioni italiane per investimento sul vino bio c'è la Sicilia dove quasi un quarto dei vigneti (24,4%) sono biologici, seguita da Marche (21,6%), Calabria (20,5%) e Basilicata (17,6%).

Ma bere bio piace sempre di più anche agli italiani, registrando un'impennata clamorosa negli ultimi due anni. I consumatori di vino biologico sono passati infatti - secondo lo studio di Nomisma - dal 2% del 2013 al 16,8% del 2015.

18 settembre 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Scipione e Annibale, Mario e Silla, Demostene e Filippo II di Macedonia... I giganti della Storia che hanno passato la loro vita a combattersi, sui campi di battaglia e non solo. E ancora: l'omicidio di Ruggero Pascoli, il padre del famoso poeta, rimasto impunito; il giro del mondo di Magellano e di chi tornò per raccontarlo; la rivoluzione scientifica e sociale della pillola anticoncezionale; nelle prigioni italiane dell'Ottocento; come, e perché, l'Inghilterra iniziò a colonizzare l'Irlanda.

 

ABBONATI A 29,90€

Tigri, orsi, bisonti, leopardi delle nevi e non solo: il ricco ed esclusivo dossier di Focus, realizzato in collaborazione con il Wwf, racconta casi emblematici di animali da salvare. E ancora: come la plastica sta entrando anche nel nostro organismo; che cos’è l’entanglement quantistico; come sfruttare i giacimenti di rifiuti elettronici; i progetti più innovativi per poter catturare l’anidride carbonica presente nell’atmosfera.

ABBONATI A 31,90€
Follow us