Ecologia

Il triste destino delle pescherie

Alcuni esperti di pesca di università canadesi e statunitensi guardano con molta perplessità le possibilità che le risorse del mare possano arrivare molto in là nel tempo.

Il triste destino delle pescherie
Alcuni esperti di pesca di università canadesi e statunitensi guardano con molta perplessità le possibilità che le risorse del mare possano arrivare molto in là nel tempo.

Un peschereccio giapponese al largo delle coste australiane.
Un peschereccio giapponese al largo delle coste australiane.

Come staranno i pesci tra cinquant'anni? O più correttamente, le risorse del mare saranno sufficienti a fornire pesce per i prossimi cinquant'anni?
Se lo sono chiesti alcuni esperti di pesca di università canadesi e statunitensi all'interno di una serie di studi e articoli sul futuro del nostro Pianeta. Le prospettive non sono rosee, anzi. Dopo aver analizzato la situazione delle zone di pesca, gli esperti hanno provato a tracciare quattro scenari per il futuro dell'attività di pesca.
Il primo scenario prevede l'eliminazione dei sussidi (che modificano il mercato, perché finanziano un'attività insostenibile e non economica per impedire il licenziamento di migliaia di persone). Il secondo la protezione da parte di tutti i Paesi delle proprie zone di pesca; questa è la situazione attuale, in cui i paesi ricchi sussidiano le flotte di pesca e quelli poveri affittano le proprie acque alle navi occidentali. È lo scenario peggiore, e gli esperti prevedono una scomparsa di molte zone di pesca nei paesi in via di sviluppo.
Non fare il baccalà. Il terzo scenario (chiamato Policy first, cioè il primato alla politica) prevede l'eliminazione dei sussidi, la creazione di riserve di pesca, la scomparsa di molti metodi distruttivi. Il quarto scenario (che privilegia la sostenibilità) implica ancora la creazione di ampie zone dove non si pesca e un'attenzione alla biodiversità e al ritorno a biomasse di pesci che possano sostenere grandi sforzi di pesca. Gli autori concludono che secondo loro però, dopo avere esaminato molte zone di pesca del mondo, è difficile che i governi prendano in esame gli scenari più radicali. E per questo l'articolo si chiude con una nota negativa, secondo la quale alcune zone di pesca scompariranno entro il 2050.

(Notizia aggiornata al 2 dicembre 2003).

28 novembre 2003
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us