Ecologia

Il trasporto pubblico è 'social', il 22% ha un account twitter

Sul podio per followers Milano, Roma, Torino mentre Brescia è la prima in Italia a utilizzare WhatsApp.

Roma, 7 nov. - (AdnKronos) - Il 22% delle aziende italiane di tpl ha un account Twitter. Sul podio per followers Milano, Roma, Torino mentre Brescia è la prima in Italia a utilizzare WhatsApp. Sono questi in sintesi i risultati della prima ricerca italiana sulla diffusione di Twitter nelle aziende di trasporto pubblico locale, presentata al seminario '#Social bus: come cambia il trasporto pubblico locale con i social media e la nuova comunicazione', organizzato da Comune di Brescia, Brescia Mobilità e www.cittadiniditwitter.it.

In particolare, delle aziende tpl italiane che utilizzano i social network, il 52% si trova al nord, il 22% al centro e il 26% al sud. Tra le città italiane sul podio per numero di followers troviamo @atm_informa di Milano (43.000 followers), @infoatac di Roma (41.000), @GTT_Torino del capoluogo Piemontese (11.100). A seguire gli account Twitter delle aziende di Brescia e Napoli. Dal punto di vista dell’attività è Atac di Roma l’azienda di tpl che cinguetta di più con oltre 60mila tweet inviati.

Nella fotografia delle aziende di trasporto pubblico smart, Brescia Mobilità merita una menzione per l’utilizzo di WhatsApp per comunicare con gli utenti. In quanto a follower Brescia Mobilità, con i suoi 2492 seguaci, si posiziona al quarto posto dopo Milano, Roma e Torino, pur avendo un numero di abitanti notevolmente inferiore; la media dei re-tweet è del 18%.

7 novembre 2014 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us