Ecologia

Il rumore dell'uomo disturba anche le seppie

Il rumore di una barca può far cambiare colore a una seppia? La risposta dimostra quanto l'inquinamento acustico modifica il comportamento anche di animali che non utilizzano il linguaggio dei suoni.

È ormai assodato che l'inquinamento acustico disorienta e modifica il comportamento degli animali che usano i segnali sonori per orientarsi o comunicare, come nel caso degli uccelli o dei cetacei. Uno studio pubblicato sulla rivista scientifica The American Naturalist ha messo in evidenza che ciò non vale soltanto per loro. I biologi inglesi titolari della ricerca (Kunc, Lyons, Sigwart, McLaughlin e Houghton) hanno condotto un semplice esperimento che ha coinvolto alcune seppie sottoposte al suono registrato del motore di una barca.

Segnali visivi. Come la maggior parte dei cefalopodi, le seppie non si servono dei suoni per comunicare, bensì di un complesso sistema di segnali visivi che utilizzano a scopo riproduttivo o nell'iterazione con predatori e prede. Il principale di questi segnali è il cambiamento di colore.

Habitat contaminato. Nel corso dell'indagine si è visto che al suono di un motore, le seppie reagiscono modificando più spesso il loro colore. Niente di grave? Pensate a cosa può succedere quando il passaggio di una nave interferisce con gli strumenti di difesa del mollusco mentre un predatore è in agguato, oppure durante un corteggiamento. Secondo i biologi questo dimostra che è necessario prendere in considerazione i canali sensoriali nel loro complesso, anziché singolarmente. Da questa prospettiva risulta evidente che l'inquinamento acustico ha effetti significativi sull'habitat di un numero maggiore di animali rispetto a quanto ipotizzato finora.

VEDI ANCHE:

14 ottobre 2014 Sara Zapponi
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us