Ecologia

Il riso perenne che si pianta ogni cinque anni

In Cina e Uganda sta già cambiando la vita di oltre 55.000 piccoli agricoltori: è il riso perenne, che fa lavorare meno e guadagnare di più (ma ha alcuni svantaggi).

Il riso è il cibo più mangiato al mondo: nella stagione 2021/2022 ne sono state consumate quasi 510 milioni di tonnellate, 155 solo in Cina. È dunque importantissimo trovare metodi sempre più vantaggiosi dal punto di vista economico, sociale ed ecologico per mantenere alta la produzione di questo cereale. Per farlo si studiano anche nuove varietà più resistenti, che possono crescere in acqua salata o essere piantate una sola volta ogni cinque anni (invece di due all'anno): a questo secondo tipo di riso, chiamato riso perenne, è dedicato un report pubblicato su Nature Sustainability, che ha analizzato pro e contro del PR23, una varietà ibrida che consente agli agricoltori di lavorare meno e guadagnare di più, mantenendo alta la qualità del terreno e utilizzando meno fertilizzanti.

Com'è nato? Il PR23 è nato nel 1999 da una collaborazione tra la Yunnan Academy of Agricultural Sciences e l'International Rice Research Institute cinesi: i ricercatori hanno unito due varietà di riso, una asiatica (Oryza sativa) e una africana (Oryza longistaminata), dando vita a questa particolare varietà perenne che, a differenza delle altre, non dev'essere seminata due volte l'anno. «La semina del riso è pesante e costosa», sottolinea Erik Sacks, uno degli autori del report. «Non doverla fare due volte l'anno fa risparmiare agli agricoltori un sacco di tempo e denaro».

riso e terreno
Il PR23 arricchisce il terreno nel quale cresce di nitrogeno e carbonio organico, migliorandone la qualità. © kram-9 | Shutterstock

Vantaggi. Il PR23 è migliore rispetto al riso annuale sotto diversi aspetti. Con una resa leggermente superiore (circa 6,8 tonnellate di raccolto per ettaro contro 6,7), per i primi cinque anni il riso perenne fa risparmiare lavoro, semi e fertilizzanti. «Il lavoro, spesso svolto da donne e bambini, viene ridotto senza dover affidarsi a macchinari che utilizzano combustibili fossili», spiega Sacks, sottolineando come questo aspetto sia importante nell'ottica della transizione a un'agricoltura sempre meno inquinante.

Tagliando i costi si ha dunque un aumento dei profitti, che sono risultati essere dal 17% al 161% superiori a quelli del riso annuale, anche negli anni in cui il raccolto è stato ridotto a causa della presenza di parassiti.

Alcuni svantaggi. Uno dei potenziali rischi associati alla coltivazione del riso perenne, che non viene arato, è lo sviluppo di funghi e patogeni: gli insetti possono rimanere nella stoppia dopo la semina, e trasmettere i virus ai germogli dei quali si nutrono la primavera successiva. Inoltre, in assenza di aratura, le erbacce crescono più abbondanti, e per questo è necessario effettuare uno o due trattamenti erbicidi in più rispetto al riso annuale.

Un ultimo aspetto negativo è che, quando dopo cinque anni di raccolto arriva il momento di riseminare, il lavoro degli agricoltori è molto più duro, poiché le radici del PR23 sono affondate in profondità nel terreno.

16 novembre 2022 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia torna con un nuovo numero ricco di approfondimenti appassionanti. Questo mese, uno speciale dedicato al fallito attentato a Hitler del 20 luglio 1944. Scopri come Claus von Stauffenberg pianificò l'Operazione Valchiria, la spietata rappresaglia che ne seguì e gli incredibili colpi di fortuna che salvarono il Führer da 40 attentati.

Esaminiamo anche come Stalin riuscì a sopravvivere ai numerosi tentativi di eliminarlo e i rischi corsi da Mussolini.

Esploriamo poi le grandi imprese come la conquista del K2, la spedizione che scalò la seconda cima più alta del mondo e la storia delle crociere con “E il navigar m’è dolce”, tra balli, sport, cibo e divertimento.

Raccontiamo la Grande Guerra attraverso le cartoline dell’epoca e vi diamo un'anteprima di una bella mostra a Buckingham Palace con le foto private dei reali.

Approfondiamo la storia del servizio di leva e delle Olimpiadi antiche, e rivivi l'epoca d'oro della televisione italiana con Corrado.

Non perdere questo numero di Focus Storia!

ABBONATI A 29,90€

Focus torna con un nuovo numero ricco di spunti e approfondimenti. Questo mese, ci immergeremo nel complesso mondo delle relazioni amorose, esplorando le basi scientifiche che le rendono durature e felici.

Cosa rende un amore duraturo? Quali sono i segreti delle coppie che superano le sfide del tempo? Focus risponde a queste domande svelando i meccanismi ormonali e fisiologici dei legami più solidi. Scopri il tuo profilo di coppia con un test utile e divertente per comprendere meglio la tua relazione.

Esploriamo anche il mondo della scienza e della tecnologia, dall'internet quantistica all'atomtronica, celebriamo il centenario dei planetari e scopriamo i segreti dell'alpinismo estremo.

Non perdere questo numero di Focus: conoscenza, passione e scoperta ti aspettano in ogni pagina!

ABBONATI A 31,90€
Follow us