Ecologia

Il riscaldamento globale lascia a terra gli aerei

L'area più calda e meno densa renderà più difficile staccarsi dal suolo: in futuro saremo costretti a viaggiare più leggeri (o ad allungare le piste di decollo).

Il futuro del trasporto aereo dovrà vedersela con un'incognita importante: quella dei cambiamenti climatici. L'innalzamento delle temperature renderà più difficili le operazioni di decollo, e spingerà le compagnie aeree a imporre limitazioni ancora più rigide sul peso dei bagagli e sul numero di passeggeri accettati a bordo. A sostenerlo è uno studio pubblicato sulla rivista Weather, Climate, and Society.

aria più "sottile". Le più alte temperature renderanno l'aria meno densa, riducendo la forza di portanza generata dalle ali, e necessaria a sostenere i velivoli. Aerei più pesanti impiegano più tempo a sollevarsi, e per raggiungere una velocità tale da consentire un decollo in sicurezza serviranno piste di decollo più lunghe. Laddove questo non sarà possibile, occorrerà diminuire sensibilmente il peso del carico bagagli e passeggeri.

Previsioni fosche. I ricercatori della Columbia University di New York hanno utilizzato i modelli climatici attuali per prevedere le temperature estive future in 4 grandi aereoporti cittadini americani (a Phoenix, New York, Washington D.C. e Denver), supponendo che gli sforzi per ridurre le emissioni di gas serra rimangano insufficienti, come adesso.

Qui non si sale, troppo caldo. I risultati ottenuti sono poi stati confrontati con le soglie di temperatura responsabili delle ulteriori restrizioni di peso (oltre a quelle standard per bagagli da stiva o a mano) per voli commerciali su Boeing 737-800. Tutti e 4 gli aeroporti considerati finirebbero per avere, dal 2050 al 2070, dal 50% al 200% in più di giorni con restrizioni di peso dovuti alle condizioni atmosferiche.

Più leggeri. All'aeroporto di Phonix si passerebbe da zero a 20 o più giorni con restrizioni di peso; negli altri, i giorni in cui si rischia di restare a terra per colpa delle alte temperature finirebbero per essere qualche decina. Per ovviare al problema, le compagnie aeree dovranno ridurre carichi o passeggeri, a meno che non ci si attrezzi con piste più lunghe o velivoli più aerodinamici.

27 novembre 2014 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us