Ecologia

Il reale impatto della siccità sulle foreste

Dopo un lungo periodo senz'acqua, le aree verdi del pianeta impiegano dai 2 ai 4 anni più del previsto a riprendersi. E potrebbero anche non essere ancora "in piena forma" alla siccità successiva, con conseguenze che ci riguardano da molto vicino.

Gli effetti della siccità sui polmoni verdi del pianeta potrebbero essere più insidiosi di quanto si pensi. Nel mondo virtuale dei modelli climatici si presume che al termine di un periodo di arsura le piante ritornino molto rapidamente in salute.

Ma in base a uno studio dell'Università dello Utah (Usa), appena pubblicato su Science, gli alberi di una zona colpita dalla siccità impiegherebbero poi dai 2 ai 4 anni per riaversi dallo stress climatico e ritornare ai normali livelli di crescita.

Anelli. William R.L. Anderegg e colleghi hanno studiato i ritmi di crescita degli alberi di oltre 1300 siti forestali della Terra dal 1948 in avanti, attingendo all'International Tree-Ring Data Bank, un archivio che conserva informazioni sugli anelli degli alberi (dai quali si possono trarre dati sulla crescita della pianta e sui livelli di anidride carbonica da essa assorbiti).

Ripresa in salita. Se si escludono alcuni boschi della California e delle aree mediterranee che hanno mostrato, dopo un periodo di siccità, un trend di crescita maggiore delle aspettative, in media la crescita dei tronchi ha impiegato appunto dai 2 ai 4 anni a ritornare normale, rimanendo il 9% più lenta del previsto nel primo anno post siccità, e il 5% più lenta nel secondo anno.

ancora peggio. Gli effetti più deleteri si sono osservati nelle aree più aride del pianeta, in particolare sui pini e su altre piante che - nonostante la minore disponibilità idrica - continuano a consumare acqua in grande quantità, finché questa è presente.

polmoni stanchi. «Alcune foreste potrebbero essere ancora in "fase di convalescenza" all'arrivo della siccità successiva», ed è proprio questo il nocciolo del problema, chiarisce Anderegg. Il fenomeno è ancora più preoccupante se messo in relazione ai cambiamenti climatici: foreste meno floride catturano minori quantità di CO2 dall'atmosfera. Potrebbero avere sul clima un impatto meno efficace di quello teorizzato finora.

30 luglio 2015 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us